• Home
  • CUCINA
  • La polenta, simbolo della tavola in autunno

La polenta, simbolo della tavola in autunno

  • Paola Montonati

polentaPasto notissimo tra i contadini, citato anche nei Promessi Sposi, la polenta ha una storia che parte dagli albori dell’uomo….

Nell’epoca romana la polenta era chiamata con il nome di pultem ed era preparata con il farro, che, macinato e cotto, dava un impasto molto morbido, che veniva servito con formaggi e carni varie. Solo con la scoperta delle Americhe e quindi del mais la polenta divenne il simbolo dell’autunno.

Infatti fino ad allora la polenta era preparata non con il mais, ma con il farro, il grano saraceno, il miglio, il sorgo o il panico.

Ma nel 1492 Cristoforo Colombo, sbarcato a Hispaniola, l’isola caraibica oggi sede della Repubblica Dominicana e Haiti, trovò grani dal colore dell’oro, che chiamò, come aveva udito dagli indigeni Tainos, Maitz, e da allora si cominciò parlare del mais.

Il mais fu così introdotto in Europa e attorno al 1525 veniva coltivato in Spagna e in Portogallo, mentre in America e precisamente in Messico, Guatemala e Honduras i Maya coltivavano il mais già tremila anni fa.

Il ritmo della vita di quelle popolazioni era basato sul ciclo del mais, cui dedicarono il culto del dio Xilotl, una delle loro principali divinità.

La ricetta della polenta prevede che si debba versare la farina a pioggia in un paiolo, possibilmente di rame, pieno di acqua bollente salata, in un rapporto di 1:4, poi bisogna rimestare di continuo con un bastone di legno, detto cannella, per circa un’ora.

Quando la polenta è cotta, si versa su una tavola di legno e si condisce con il sugo in precedenza preparato, servendola con un cucchiaio o tagliata a fette, mentre fredda può essere fritta, passata al forno con salse e intingoli o usata come il pane.

Alcune delle più ricette che vedono protagonista la polenta sono a base di formaggi, burro, panna, come la taragna, tipica della Valtellina, la pulénta vüncia o unta e quella cròpa. 

La pult invece è una polentina molle, diffusa nella zona del lago di Como, che si mangia intinta nel latte freddo, mentre la polenta concia valdostana o grassa vede un’aggiunta di formaggio fuso e la polenta e bruscitti è un piatto di Varese condito con sugo bianco di carne.

Tra le polente a pasta bianca più note c’è quella con le seppie, piatto veneto spesso proposto nella versione al nero, mentre a Trieste le alternative prevedono salsicce, uova strapazzate, spezzatino e prugne cotte.

Nel Trentino è nota la polenta di patate, preparata cuocendo nell'acqua salata le patate a tocchetti, poi pestati aggiungendo farina di grano saraceno e verso fine cottura si possono aggiungere pezzetti di salame locale, formaggi, cipolle soffritte o le più stimolanti varianti personali.

Pavia

Pavia, la nostra Pavia

Copyright © PaviaFree.it, il blog di Pavia e provincia IT11086080964