Cucina dal mondo: Russia

  • Paola Montonati

russian salad pixaL’estensione geografica della Russia e la sua storia hanno fortemente influenzato la sua scena gastronomica, un mondo ricco di sapori e profumi, legati alle varie regioni e alle tradizioni locali.

Il bortsch è il piatto russo più famoso, una zuppa di carne di manzo e barbabietola che si distingue non solo per il sapore, ma anche per il colore intenso dato dalla barbabietola.

Altri ingredienti del piatto sono il cavolo, prezzemolo e aneto e in alcune varianti sono aggiunte anche le patate.

Servita prevalentemente nei mesi estivi perché va mangiata fredda, la okrowska è una zuppa con diversi tipi di carne, cetrioli, cipolla, uova, poi condita con panna acida.

La solyanka, nata per recuperare gli avanzi dei pasti, è una zuppa densa, cremosa e dal sapore speziato e leggermente agrodolce, con cetrioli sottaceto, verdure miste, patate e aneto cui si aggiunge succo di limone, aringa, salmone e altri pesci, mentre in una variante con la carne si possono trovare manzo, prosciutto, pollo e salsicce insieme con olive, capperi, cipolle e prezzemolo.

Molto diffuso è il culibiac, una torta salata di pesce, solitamente salmone, avvolta da una pasta sfoglia dolce, simile a una brioche, con riso, funghi, uova e a volte le cipolle.

Usati solitamente come antipasto, i blinis sono dei pancake o crepe molto soffici, preparati con uova, farina, panna e latte, serviti con panna acida, caviale, burro e paté a base di pesce.

Invece i pirozhki sono brioche-focaccine molto popolari in Russia, cotte al forno o fritte e presentano diverse farciture, con carne, pesce, verdure o formaggio, ma sono anche in versione dolce, con un ripieno di marmellata di frutta.

Specialità famosa in tutto il mondo, il manzo alla Stroganoff è composto da straccetti di carne di manzo, rosolata velocemente in padella e insaporita con una salsa a base di panna acida, cipolle e pomodoro.

Il caviale di Storione è una delle prelibatezze russe più amate, servito semplicemente su dei crostini caldi di pane, ma anche sopra le uova sode, tagliate a metà.

Servita come merenda, la vatrushka è una ciambellina rotonda dall’impasto dolce, in cui spesso si aggiungono uvetta e frutta secca, che presentano una cavità rotonda, farcita con la ricotta amalgamata con uova, zucchero e panna.

Tipico delle feste, il prjanik è un pane dalla forma rettangolare a base di miele, noci e frutta secca, frutti di bosco, spezie e aromi come limone, menta, vaniglia, zenzero, anice, cumino, noce moscata e chiodi di garofano.

Il Medovik è uno dei dolci più amati della pasticceria russa, che è una torta composta da strati di sfoglia sottile preparata con farina, miele e uova che si alterna a una farcitura cremosa a base di latte condensato dal gusto caramellato.

Una delle torte tradizionali della cucina russa è la paskha, dalla forma di un panettone, con formaggio fresco, panna acida, burro, uova, zucchero, mandorle, spezie e aromi, uvetta e canditi.

Tra le bevande russe la più nota è la vodka, di cui esistono tante varianti, può essere bevuta da sola o usata per preparare numerosi cocktail.

Il tè, molto più del caffè, è una vera e propria abitudine quotidiana in Russia, non solo come accompagnamento alla merenda pomeridiana, ma lo si consuma persino a fine pasto, a colazione e in ogni momento della giornata.

Pavia

Pavia, la nostra Pavia

Copyright © PaviaFree.it, il blog di Pavia e provincia IT11086080964