• Home
  • EVENTI
  • Pavia Razionalista nel Ventennio fascista

Pavia Razionalista nel Ventennio fascista

  • Paola Montonati

ex casa del balilla in viale resistenzaDomenica 5 luglio, alle otto, Oltre Confine Onlus proporrà una visita guidata alla scoperta della Pavia razionalista, simbolo del particolare stile architettonico del regime fascista.

Il tour, della durata di un’ora e mezzo, condurrà i visitatori nel centro di Pavia tra edifici, piazze, monumenti e statue che hanno modificato per sempre l’immagine della citta lombarda nel Ventennio fascista.

Ma com’era Pavia tra fine Ottocento e inizio Novecento? E’ quanto è cambiata la città nel corso degli anni 20, 30 e 40 del Novecento, e cosa rimane oggi dell’eredità urbanistica e architettonica del regime fascista?

La visita guidata proporrà un prima e un dopo, per capire come fosse originariamente Pavia e come sia cambiata nel Novecento, come nel caso delle principali piazze cittadine.

Nel 1937 Piazza Duomo si arricchì del Regisole, realizzato dal maestro Francesco Messina, mentre Piazza del Municipio vide, come dono di Benito Mussolini, la statua bronzea di Augusto, ancora oggi esposta davanti a Palazzo Mezzabarba, simbolo del Bimillenario dalla nascita del primo Imperatore romano.

Sarà interessante cogliere la realizzazione dei monumenti e palazzi pavesi del Ventennio in chiave storico-propagandistica, e non solo in funzione architettonica e urbanistica.

Altri interventi imponenti, sempre in Piazza del Municipio, videro il nuovo edificio sorto a lato della chiesetta di San Quirico, per implementare gli uffici comunali, dove molti Pavesi si recano per certificazioni varie, grazie alle maestose gradinate d’accesso della struttura.

In Piazza Italia e Piazza Guicciardini, a due passi da Strada Nuova, ci sono il Palazzo dell’Amministrazione Provinciale, il Palazzo del Governo e l'imponente Torre Littoria.

Ma altri sono i palazzi storici e i monumenti riconducibili al Ventennio, a dimostrazione di come la Pavia del centro storico sia stata toccata dai molteplici interventi urbanistici di quel periodo.

Per le prenotazioni telefonare al numero 3755709240 o scrivere a visiteguidate@vieniapavia.it

Pavia

Pavia, la nostra Pavia

Copyright © PaviaFree.it, il blog di Pavia e provincia IT11086080964