• Eventi
  • Eventi

Eventi

eventi paviaEventi Pavia

Gli EVENTI in programma a Pavia con programmazioni aggiornate, informazioni sulle location e su come raggiungere l'evento.

Eventi a Pavia: cosa fare oggi in città e nei dintorni

Sapori di Lombardia all’Enoteca Regionale di Broni

broni cibo 1Da sabato 24 febbraio, l’Enoteca Regionale della Lombardia in Oltrepo Pavese, presso la sede di Broni, dedicherà tre week-end all’insegna delle eccellenze agroalimentari lombarde, tra cene e pranzi a tema, incontri con i produttori, un mercato dei produttori e showcooking.

L’Enoteca Regionale della Lombardia in Oltrepò si trova nella cascina di Cassino Po a Broni e nasce da un decreto della Regione Lombardia del 2014, per promuovere e valorizzare le produzioni enologiche e agroalimentari d’eccellenza lombarde regionali, con grande attenzione ai prodotti a marchio DOC, DOCG, IGT, DOP, IGP, SGT e di qualità biologica.

Oltre a diffondere la cultura del vino al grande pubblico, l’Enoteca rappresenta tutte le cantine delle etichette esposte sui propri scaffali, inoltre la vendita dei vini è effettuata agli stessi prezzi presenti nei singoli punti vendita delle cantine stesse.

Nell’Enoteca si trovano una grande sala conferenze per meeting, congressi e presentazioni, il caveau di affinamento per i vini che devono avere una maturazione e invecchiamento particolari, una sala degustazioni e il Bistrot dell’Enoteca, ricco di piatti unici e particolari realizzati con le eccellenze agroalimentari lombarde.

Dall’oca regina della cucina lomellina, al cioccolato, il cibo degli dei fino alla ricca produzione del Consorzio dei Prodotti del Parco del Ticino, per l’anno del cibo italiano, Broni e l’Enoteca Regionale di Lombardia in Oltrepo porteranno alla ribalta alcune delle migliori espressioni della produzione locale.

broni cibo 2Si comincerà sabato 24 febbraio alle 20 con una cena con protagonista la Lomellina e l’oca regina della tavola, nell’interpretazione dello chef Daniele Mascherini.

Il menù vedrà un ricco antipasto di salumi d’oca, risotto Carnaroli, pistilli di zafferano e ragù d’oca tartufato, petto d’oca cotto lentamente con flan di verza al vapore e millefoglie di patate rosse e per chiudere in dolcezza semifreddo al croccante di pistacchio con gelatina al moscato.

Tutto questo al prezzo di 40 euro, mentre più info e prenotazioni si possono avere telefonando ai numeri 0385 833820 - 338 5065612 - 347 7264448.

Domenica 25 ci sarà un pranzo a tema con menù degustazione, al costo di 25 euro, e dalle 10 una serie di incontri e degustazioni con i produttori.

Tra le eccellenze in degustazione non ci sarà solo l’oca ma anche le lumache, preparate con i ceci e lo zafferano secondo un’antichissima ricetta, legata alla tradizione secondo la quale i contadini usavano seminare i legumi tra i filari delle vigne.

Un tempo, infatti, tra le vigne non era poi difficile incontrare le chiocciole, che in questa preparazione saranno usate con ceci e zafferano.

La manifestazione proseguirà il 10 e l’11 marzo, con un fine settimana dedicato al cioccolato, in concomitanza con il Broni Cioccovillage, che animerà Broni tra bancarelle, degustazioni, show-cooking, laboratori, animazioni e giochi per i bambini.

Anche in quest’occasione si terrà una cena con menù a tema e pranzo con un menù di degustazione tutto sul cioccolato, oltre a incontri con i produttori e laboratorio con il Maestro Pasticcere Domenico Spadafora, previsto per sabato 10 marzo dalle 16,30.

Nel weekend del 21 e 22 aprile l’Enoteca festeggerà il Parco del Ticino, un ricco scrigno di eccellenze enogastronomiche.

Maggiori info si possono avere telefonando al numero 3388542088 oppure scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Weekend nel Pavese con L’anello del Cavalieri

anello cavalieri febbraio 2018 1Per domenica 18 febbraio l’Associazione Calyx, tra le colline dell’Oltrepò Pavese, proporrà un’escursione, con un ricco pranzo, dedicata al tema della biodiversità e della sostenibilità in agricoltura e edilizia.

Infatti, uno dei simboli dell’Oltrepò Pavese, forse il più noto, è la bellezza e varietà del paesaggio che si unisce all’equilibrio tra uomo, natura e agricoltura.

Il ritrovo è previsto per le dieci presso la piazzetta di via della Costa, nella frazione di Costa Cavalieri a Fortunago.

Le attività cominceranno con una passeggiata ad anello, di cinque km e con un dislivello di circa 150 m positivi, che si snoderà intorno al crinale della Costa dei Cavalieri, un nome legato all’epoca viscontea, dove i nobili Dal Verme allevavano proprio su queste colline i loro cavalli e addestravano un potente esercito mercenario.

L’itinerario si dipanerà prima sui sentieri sterrati, che si affacciano su una zona di colline a vigneto, calanchi e ampi boschi di latifoglie, con sfondo i castelli di Stefanago e Montalto e il borgo medievale di Fortunago, che verrà raggiunto alla fine della prima parte dell’escursione e visitato.

Fortunago è stato interamente ristrutturato dagli abitanti nel rispetto di com’era un tempo, così il cuore antico del paese è ricco di casette in pietra a vista, strade in mattonelle di porfido e sassi di fiume.

La seconda parte dell’anello sarà il ritorno a Costa Cavalieri, su una strada asfaltata a bassa percorrenza e provvista di marciapiede, tra grandi scorci panoramici sul paesaggio della Valle Ardivestra, che in inverno si presenta come un ricco scenario di campi arati, frutteti e verdi praterie.

Lungo il percorso due guide locali aiuteranno i partecipanti a comprendere ogni aspetto naturalistico, storico ed enogastronomico dei luoghi.

La passeggiata terminerà con il pranzo presso La Casa di Paglia, un agriturismo realizzato utilizzando solo materiali bio tra cui legno, balle di paglia e argilla dei campi vicini, che si occupa della produzione di conserve alternative.

Il pranzo vedrà nel menù Salame di Varzi con agrodolci della casa, Coppa con insalata russa, Crostini con pancetta e gelatina di rosmarino, Uovo sodo farcito con paté di verdure e Prugne grigliate lardellate, Crespella di biete e salsiccia con besciamella alle noci, Crema di cannellini con crostini alle erbe, Scaloppina con crema d’arancio, Rondelle di polenta con fonduta di formaggi e granella di nocciole, Tarteletta di cipolle rosse, Duetto di dolci della Casa e Digestivo con caffè.

Saranno necessarie calzature e abbigliamento sportivo.

La quote di partecipazione individuale,  incluso il pranzo, sono per gli adulti di 35 euro, per i bambini fino ai 10 anni di 25 euro ed è  richiesta la prenotazione entro venerdì 16 febbraio.

L’evento sarà rimandato in caso di forte maltempo.

Maggiori info si possono avere telefonando al numero 3475894890 – 3495567762 oppure scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Fiera del Disco 2018 a Vigevano

fiera del disco di vigevano 2018 1Sabato 17 e domenica 18 febbraio si terrà la prima Fiera del Disco di Vigevano, organizzata dall'Associazione Culturale Rock Paradise, grazie alla collaborazione con il Distretto Urbano del Commercio di Vigevano.

Nella Cavallerizza del Castello di Vigevano, in via Rocca Vecchia,  35 espositori presenteranno al pubblico migliaia di dischi in vinile, cd, dvd, gadget musicali da vendere, comprare o scambiare.

Il disco, con i solchi incisi, dove scorreva la musica, fu il supporto più utilizzato nel mondo musicale fino agli inizi degli anni Novanta.

Fu Thomas Alva Edison nel 1877 a ideare il primo grammofono a cilindri, dopo il prototipo del francese Charles Cros, mentre il disco orizzontale fu creato nel 1888 da Emile Berliner a Filadelfia come un supporto audio nei giocattoli parlanti.

I dischi iniziarono a essere prodotti a scopo commerciale già nel 1895, con la nascita del 78 giri, erano realizzati in gommalacca, con un diametro di trenta centimetri e un peso di circa 360 grammi, oltre ad essere caratterizzati da una dimensione del solco notevolmente maggiore di quello dei più moderni, i microsolco a 33 e 45 giri.

La gommalacca inoltre era un materiale caratterizzato dall’estrema fragilità e da una struttura che spesso portava ad avere molti dischi affetti da fruscio.

Allora i dischi erano incisi su una sola facciata e solo con il passar del tempo la Columbia iniziò a produrre 78 giri con doppia facciata, detti i Columbia Double disc record.

Nel 1926 O for the Wings of a Dove di Ernest Lough fu il primo disco a vendere più di un milione di copie e da li nacquero gli apparecchi per l’ascolto della musica in pubblico.

Dopo il primo jukebox a cilindri, Multiphone, realizzato da John C. Dunton nel 1905, arrivarono quelli interamente elettronici fabbricati dal 1927 dall’Automatic Musical Instruments, poi nel secondo dopoguerra fu la Wurlitzer a sviluppare dei nuovi modelli all’avanguardia di jukebox per la riproduzione dei dischi.

Con l’inizio del cloruro di vinile per fabbricare i dischi, le nuove e migliori caratteristiche del supporto permisero di rimpicciolire i solchi, abbassando il numero di giri per minuto e aumentandone la durata, che arrivò ai 25-30 minuti per facciata, rispetto a quella decisamente più breve dei 78 giri.

Il primo 33 giri o long playing fu pubblicato negli Stati Uniti dalla Columbia Records il 21 giugno 1948, ed era il Concerto per Violino in mi minore di Mendelssohn.

Da allora il 78 giri fu rimpiazzato da un supporto più capace, durevole, leggero, maneggevole, collezionabile e di qualità superiore.

In pochi mesi l’LP, di 30,5 centimetri di diametro e circa 100 grammi di peso, venne accettato come standard e si potevano produrre dischi capaci di contenere ben dieci brani a disco, con un risparmio economico per chi comprava, ma anche per chi produceva.

Il 31 marzo 1949 la RCA lanciò il primo disco singolo a 45 giri a microsolco, era solo un vinile di dimostrazione inviato a tutti i rivenditori di dischi d’America per farlo ascoltare ai clienti.

Nel 1950, con l’avvento dei singoli a 45 giri, anche il design dei jukebox ebbe una sostanziale rivoluzione e ora i modelli di questa epoca sono i più ricercati dai collezionisti.

Con l’inizio degli anni Sessanta iniziarono a essere diffusi i primi dischi in formato stereofonico, grazie all’etichetta discografica Audio Fidelity Records, che fu la prima a pubblicare un disco stereofonico in serie nel novembre 1957.

La stereofonia permise di abbassare i costi di realizzazione di un disco, tanto che già nel 1968 le maggiori etichette discografiche non producevano più dischi in formato mono.

La Fiera del Disco di Vigevano sarà aperta, a ingresso gratuito, sabato dalle 14 alle 19 e domenica dalle 10 alle 18.

In occasione della Fiera del Disco, sabato 17 alle 21. presso il Castello di Vigevano, si terrà il concerto di Renato Franchi e l'Orchestrina del Suonatore Jones.

Vigevano in Love 2018

vigevano love 2018 1Dal 10 al 14 febbraio, torna Vigevano in love, la manifestazione organizzata da Diapason Consortium in collaborazione con Eventi da Re, Civaturs viaggi, con il patrocinio del comune di Vigevano.

Motto della manifestazione è Fatti coccolare dalla bellezza senza tempo, per vedere una città dove riscoprirsi romantici, guardare alla persona amata con occhi rinnovati, per innamorarsi della Città Ducale, facendosi stupire dalla sua bellezza senza tempo. 

Vigevano in love vede le attività culturali e commerciali della città coordinarsi in occasione della Festa degli Innamorati, per offrire una città accogliente alle coppie che vorranno trascorrere un soggiorno romantico a Vigevano.

Per i vigevanesi sarà l’occasione di riinnamorarsi della propria città e per i turisti l’opportunità di festeggiare San Valentino in una città vestita a festa.

A Vigevano in love prendono parte diverse attività commerciali cittadine, che proporranno sconti e iniziative per chi prenoterà i pacchetti preparati da Diapason Consortium.

La manifestazione inizia sabato 10 febbraio con la cena romantica a palazzo Roncalli,  accompagnata dalla musica delle serenate e, per chi preferisce la serata al ristorante, si potranno trovare menu a tema nei locali convenzionati.

Domenica 11 è prevista una passeggiata romantica, con visita guidata al centro storico, un programma che si ripeterà martedì 13, qaundo è anche prevista la possibilità di cenare a palazzo Roncalli e, a seguire, un concerto della banda di Santa Cecilia presso l’auditorium San Dionigi.

Il giorno di San Valentino sarà interamente dedicato allo shopping e alle degustazioni nei locali convenzionati, oltre a un bacio ducale nelle rinnovate stanze di Beatrice d’Este del castello.

Per chi ama passeggiare nel Castello Visconteo di Vigevano ci sono due possibilità nel contesto di Vigevano in Love.

Sabato 10 febbraio, dalle 17 alle 22, con Baci al castello, ogni ora ci sarà una passeggiata romantica negli spazi del Castello che hanno visto gli amori di corte, che parte dalla Stanza della Duchessa, dove si trovano i vestiti delle feste delle nobildonne sforzesche.

La visita continuerà nei saloni interni del Palazzo dei Duchi, e terminerà nelle sale della mostra interattiva Leonardiana, davanti ai ritratti delle amanti di Ludovico il Moro, con un calice di champagne.

Mercoledì 14 febbraio, dalle 18 alle 23, 120 Gradini d’Amore sarà una salita alla Torre del Bramante dove, a 18 metri d’altezza, con le stelle vicine e lo spettacolo della Piazza Ducale dall’alto, si potrà scattare una foto d’amore in abiti rinascimentali. 

Alla fine sono previsti baci e bollicine di champagne nella Stanza del Camino.

Il format Vigevano in love ha vinto nel 2017 il premio Retail Street Award di Regione Lombardia e UnionCamere Lombardia, ed è stato portato in altre località come Bologna, Firenze e Venezia, mentre nel 2019 si terrà la prima edizione a Mantova.

Il programma completo è consultabile sulla pagina Facebook di Vigevano in love.

Graziano Perotti Dal reportage al sogno

grazianoperotti sogno 1Mercoledì 14 febbraio, presso il Salone Teresiano della Biblioteca Universitaria di Pavia, dalle 17 il fotoreporter Graziano Perotti racconterà, con Maurizio Garofalo, uno dei più noti art director e photo editor italiani, un viaggio alla scoperta dell’amore.

L’amore che ha cercato nelle madri siriane, nei volontari pavesi che aiutano i malati terminali, nello splendore delle luci notturne di Venezia.

Perotti e Garofalo racconteranno anche di fotografia, e proietteranno le immagini scattate da Graziano per i suoi lavori, dai reportage all'impegno sociale, dai progetti artistici, fino al mondo del sogno. 

Nato a Pavia nel 1954, Graziano Perotti come fotoreporter ha pubblicato oltre 200 reportage, tra viaggio, cultura e sociale, sui più importanti magazine, ottenendo ben 20 copertine.

I più noti critici italiani hanno scritto e pubblicato saggi su Graziano in riviste specializzate di fotografia, e numerose sono le mostre a lui dedicate, oltre a una serie di partecipazioni a esposizioni collettive con grandi fotografi di livello internazionale.

Perotti ha vinto importanti premi in Italia e all'estero e molte delle sue fotografie sono esposte in collezioni private, fondazioni e musei.

Nel 2015 è stato uno dei dodici fotografi italiani che ha pubblicato su Vogue di marzo 2015 per i 50 anni della rivista più prestigiosa al mondo, inoltre molti dei suoi lavori sono venduti da Vogue in PhotoVogue Collection –E-Commerce America.

Recentemente la Rai ha intervistato Perotti per la sua ultima mostra e il libro d'arte Terra di Risaie, cha ha ricevuto il patrocinio di Expo 2015.

Inoltre è uno dei 40 fotografi italiani scelti dal Fondo Internazionale per la fotografia,  che rappresenteranno l'Italia in Cina nel progetto Imago.it.

Nato nel 1959, Maurizio Garofalo ha vissuto ad Ancona, Venezia, Firenze, Napoli, Roma, Milano e, dopo essersi laureato in Architettura, ha lasciato la libera professione per dedicarsi alla grafica editoriale e alla fotografia.

Giornalista professionista, dal 2000 al 2009 è stato l’art director e il photo editor di Diario, diretto da Enrico Deaglio, che nel 2002 ha vinto a Parigi il premio internazionale Guide de la Presse come miglior giornale del mondo, oltre ad aver affiancato una grande attività di didattica sulla fotografia e fotogiornalismo, di conferenze e letture-portfolio in Italia e all'estero, di giurato in concorsi di fotografia.

Nel 2010 Garofalo era nel comitato scientifico e nella giuria del Premio Bruce Chatwin, per la fotografia e la narrativa di viaggio, nel 2011 ha insegnato a New York nel contesto del New York Photogarphy Workshop, organizzato da Spazio Labo e nel 2012 ha fondato il Ragusa Foto Festival, di cui è stato il direttore artistico della prima edizione.

Garofalo nel 2013 ha curato il volume Mimmo Jodice, di Roberta Valtorta, edito da Bruno Mondadori e dal 2014 collabora con la casa editrice Pearson-Bruno Mondadori per l’ideazione delle nuove collane editoriali.

Inoltre Garofalo è un collaboratore della rivista di critica letteraria L'Indice dei libri nella sezione Fotografia e ha preso parte a un gran numero dei Festival di Fotografia in Italia, con conferenze e incontri con gli autori, con personaggi come Gianni Berengo Gardin, Maurizio Galimberti, Ivo Saglietti, Davide Monteleone, Tano D'Amico, Martina Baigalupo e Ferdinando Scianna.

Cross Country Canottieri Ticino 2018

ticino cross country 1Domenica 11 febbraio si terrà a Pavia la prima edizione della Cross Country Canottieri Ticino, una nuova corsa campestre competitiva e amatoriale, il percorso che si snoderà all'interno del parco della Società Canottieri Ticino, presso Via Canarazzo 15.

La gara competitiva è nel contesto del calendario agonistico del Gran Prix Fidal della provincia di Pavia, mentre la gara non competitiva sarà aperta a tutti, con l’unico scopo di mettersi alla prova su un percorso sterrato, ma privo di difficoltà.

La sezione Running della ASD Canottieri Ticino, affiliata alla Federazione Italiana di Atletica Leggera, è stata fondata nel 2005 grazie alla passione per questo sport di Marco Albertario e sua sorella Laura. 

Col tempo, grazie ai suoi promotori, e ai primi runners tesserati, come Roberto Castelli, Dino Dori, Cristina Valisi, la sezione è cresciuta ed è composta di 19 tesserati Fidal, più i due referenti Cristina Valisi e Andrea Bazzo, per 800 km in media a settimana percorsi lungo le sponde del Ticino, con un’uscita di gruppo ogni settimana e due maratone a ogni stagione.

La sezione si è impegnata in qualsiasi tipo di appuntamento podistico, dalle maratone alle distanze sprint, dalle gare nazionali e internazionali alle podistiche non competitive della domenica mattina, dalle gare su strada a quelle di trail-run, oltre a una serie di allenamenti in compagnia e organizza ogni anno la Ticino EcoMarathon.

La manifestazione inizierà alle 8.15, con il ritrovo e le iscrizioni presso la Canottieri Ticino di Strada del Canarazzo 15 a Pavia, mentre per le 9.30 si terrà l’inizio delle Gare femminili e per gli Over 60 maschili, subito dopo le gare per le categorie maschili in batteria unica.

Sono tantissimi i premi previsti sia per i primi tre classificati delle varie categorie Fidal, che per i primi tre uomini e donne che taglieranno il traguardo della gara, per i primi tre uomini e donne dell'Università di Pavia, per le società più numerose e, alla fine delle premiazioni, si terrà un sorteggio per i premi speciali offerti dagli sponsor tra tutti i partecipanti alla manifestazione.

Le iscrizioni si terranno in loco prima della corsa e per la corsa competitiva il costo sarà di 4 euro, comprensiva di quota Fidal di un euro, e per la corsa non competitiva di 3 euro.

Per le iscrizioni i soci CRAL dovranno scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., mentre gli universitari dovranno segnalare all'iscrizione l'apparenza all'Università allo scopo di essere inclusi nella graduatoria dedicata, per partecipare all'estrazione di premi speciali.

Maggiori info e contatti si possono trovare su https://crosscountrycanottieriticino.wordpress.com/ o scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Collabora

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pubblicità su PaviaFree.it
Scrivi per PaviaFree.it

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.