• Home
  • Cronaca
  • Il quotidiano punto sull'emergenza coronavirus dalla Regione Lombardia

Il quotidiano punto sull'emergenza coronavirus dalla Regione Lombardia

  • Paola Montonati

mo ve lombardia 1Anche oggi sabato 21 marzo la Regione Lombardia ha fatto il punto della situazione sull’emergenza coronavirus. Alle 16,30, in diretta sono arrivati gli aggiornamenti dell’assessore al Welfare Giulio Gallera e dell’assessore all’Ambiente Raffaele Cattaneo. In collegamento anche il rettore del Politecnico di Milano Ferruccio Resta.
In apertura si è parlato del tema delle mascherine, della loro produzione e dei test per verificare la loro efficacia. L'assessore Cattaneo, ha spiegato: "In una settimana abbiamo messo i mattoni di una nuova filiera, per la fornitura di mascherine e dispositivi di protezione individuale, ma non tutte sono in grado di fornire materiale idoneo". Per questo Regione Lombardia ha chiamato in aiuto il Politecnico di Milano che ha messo in piedi una task force di esperti per testare in tempi brevi i vari materiali e garantire che le mascherine siano davvero protettive. Confindustria Bergamo ci ha comunicato di aver attivato una filiera per la produzione di mascherine, che da lunedì sarà in grado di produrre 10 mila mascherine, aumentando fino a 100 mila al giorno".
Il rettore del Politecnico, Ferruccio Resta ha puntualizzato: "Abbiamo ricevuto più di 50 campioni, stiamo lavorando continuamente. Tra le ditte i cui materiali hanno passato il test degli esperti, una ditta che fa pannolini, in grado di produrre 250mila mascherine al giorno". 

L’assessore Gallera ha fatto il punto sull'epidemia: "Ci avevano detto gli esperti che i giorni più duri sarebbero stati sabato e domenica, il 13° e il 14° giorno dall’introduzione dell’effettiva misura di contenimento, e ahimè avevano ragione. I dati di oggi sono in forte crescita. 25.515 positivi, più 3.251; 8.258 gli ospedalizzati, più 523. In terapia intensiva ci sono 1.093 pazienti, con spazi sempre meno capienti. Abbiamo un incremento anche dei guariti: sono 2.139 i pazienti dimessi, guariti clinicamente in attesa della negativizzazione del tampone. Crescono i decessi: 3.095, più 546, questo è il dato che fa più male. Speriamo che tutto quello che stiamo mettendo in campo possa mostrare un rallentamento, speriamo accada a partire da lunedì come indicato dagli esperti. Dobbiamo continuare tutti ad essere diligenti per contenere il contagio".

Tra le province più colpite, Bergamo purtroppo sempre in crescita fa registrare 5.869 positivi, con un aumento di 715 casi; A Brescia 5.028 contagiati, più 380. A Cremona sono 2.733, 341 più di ieri, nel Lodigiano 1.693, in crescita di 96, segno che la strada della chiusura, come attuata nella zona rossa del basso lodigiano, è la strada maestra. In crescita i numeri anche nella provincia di Monza Brianza, più 268 rispetto a ieri. Sono 4672 i Covid positivi nella città metropolitana di Milano, 868 più di ieri, 1.829 solo nella città di Milano, in crescita di 279 su ieri. "Un dato alto, ma inferiore a quello degli ultimi giorni" ha commentato l’assessore Giulio Gallera.

 

Pin it

Pavia

Pavia, la nostra Pavia

Copyright © PaviaFree.it, il blog di Pavia e provincia IT11086080964