• Home
  • Cronaca
  • Gallera: 18 ospedali hub per tutte le urgenze, gli altri per pazienti covid-19

Gallera: 18 ospedali hub per tutte le urgenze, gli altri per pazienti covid-19

  • Paola Montonati

coronavirus 1L’assessore Gallera ha fornito alcune precisazioni sulle nuove restrizioni. “Abbiamo individuato 18 ospedali HUB che si occuperanno dei grandi traumi, delle urgenze neurochirurgiche, neurologiche stroke e cardiovascolari. L’obiettivo è quello di creare maggiore disponibilità negli altri ospedali per pazienti affetti da Covid-19."
Lo ha annunciato oggi, domenica 8 marzo, l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, in videoconferenza alle 18, da Palazzo Lombardia. E dunque, dei 108 presidi ospedalieri (pubblici) in Lombardia "18 che sono quelli meno sotto pressione per quanto riguarda l’emergenza Covid-19", andranno ad accogliere i pazienti che le altre strutture non riescono a trattare in quanto impegnate, totalmente o in modo prevalente, col coronavirus. Questa decisione è stata assunta oggi con una delibera di giunta. La riunione è stata convocata alle 11 di questa mattina per le 3 del pomeriggio» ha precisato Gallera.

L’assessore al Welfare ha parlato del decreto del presidente del Consiglio, spiegando che i dubbi interpretativi "devono essere chiariti dal governo". I dubbi, sono stati poi spiegati e dissolti dallo stesso Gallera: in primis quello sugli spostamenti. "Ci si può spostare da una provincia all’altra e anche fuori dalla regione per lavoro, quando questo non può essere svolto da casa". Tra le emergenze che consentono gli spostamenti, l’esponente della giunta Fontana ha indicato anche le attività primarie "come fare la spesa".

"Ma sono incomprensibili gli assalti di oggi ai supermercati, creano assembramenti che vanno nella direzione contraria di quello che si dovrebbe fare. L’approvvigionamento delle merci prosegue regolarmente e le attività che vengono prodotti alimentari restano aperte".

Gallera ha inoltre precisato che lo stop nei prefestivi e nei festivi imposto a centri commerciali e attività di media e grande distribuzione non riguarda la vendita di prodotti alimentari.

Il bilancio del coronavirus in Lombardia fa registrare ancora numeri in grande crescita e giudicati dallo stesso Gallera "allarmanti": 4189 le persone contagiate (769 in più rispetto a ieri, sabato 7 marzo), 2217 i ricoverati non in terapia intensiva, 399 quelli in terapia intensiva (di cui il 65% persone con oltre 60 anni), 756 le persone in isolamento domiciliare, 550 i guariti e quindi dimessi, 257 le persone decedute per coronavirus, «quasi tutte sopra i 75 anni", ma 113 nelle ultime 36 ore.

Gallera ha rinnovato quindi ancora una volta l’accorato appello "a stare a casa", aggiungendo che "solo noi, con i comportamenti individuali, possiamo bloccare l’espansione del virus".

Pin it

Pavia

Pavia, la nostra Pavia

Copyright © PaviaFree.it, il blog di Pavia e provincia IT11086080964