La chiesa di San Michele a Belgioioso

103308362 2982786065104073 327711548849341697 oA Belgioioso, di fronte al maestoso castello, c’è la grande chiesa di San Michele, dalla storia molto antica…

Le prime fonti raccontano di una chiesetta edificata, dove si trova l'attuale, di cui però non si hanno altre notizie.

La prima volta che la parrocchia di Belgioioso è citata è negli atti della visita pastorale compiuta nel 1460 da Amicus de Fossulanis, in cui compariva nella circoscrizione plebana di Filighera e successivamente nella visita apostolica di Angelo Peruzzi del 1576, quando era compresa nel vicariato di Pieve Porto Morone, poi nel 1769 venne inserita nel vicariato di San Leonardo.

Verso la fine del XVIII secolo, secondo la nota delle esenzioni prediali a favore delle parrocchie dello stato di Milano, la parrocchia di San Michele arcangelo non aveva fondi e nel 1792 il reddito netto del beneficio parrocchiale assommava a 1189.5 lire.

Nel 1807 la parrocchia di Belgioioso comprendeva l'oratorio di Santa Maria Vergine, l'oratorio di San Giacomo, l'oratorio di Santa Margherita, mentre erano segnalati solo due oratori nel 1877.

La parrocchia di San Michele arcangelo, rimasta sempre nella diocesi pavese anche dopo gli smembramenti effettuati tra il 1799 e il 1819, tra XIX e XX secolo e fino al 1989 fu una sede di vicariato.

Oggi la chiesa si presenta in un ottimo stato di conservazione grazie ai recenti restauri.

La facciata presenta lo stile del Seicento ed è suddivisa in due parti da un marcapiano orizzontale color mattone, mentre nella parte inferiore sono presenti tre portali inquadrati da sottili lesene, sopra il portale centrale è presente un riquadro d'affresco dedicato al Santo, la parte superore è inquadrata da due riccioli di volute laterali, due nicchie concave inquadrano una finestra centrale, con un timpano alla cui cima è posta una croce e tre colonnette.

Nonostante i tre portali, l’interno si presenta a una sola navata, separata dai due corpi laterali da colonne con capitelli corinzi che sorreggono archi a tutto sesto che introducono negli ambienti laterali.

Sul lato sinistro sono presenti la cappella con il fonte battesimale e due cappellette rettangolari con relativo altare, mentre ai lati della navata sono presenti altri sette vani rettangolari ma sprovvisti di altari.

L'interno è riccamente decorato con immagini di Santi ed episodi catechistici, mentre nella calotta absidale si notano Gesù e gli Evangelisti.

Nel soffitto del presbiterio sono rappresentate le Virtù Teologali e nel coro dietro l'altare in cinque tondi sono raffigurati Dio e i profeti maggiori.

Pavia

Pavia, la nostra Pavia

Copyright © PaviaFree.it, il blog di Pavia e provincia IT11086080964