Sapori d'inverno: Il rapanello

  • Paola Montonati

ravanelloUna delle verdure più usate nella cucina contadina invernale, il rapanello è una radice dalle tante proprietà benefiche, adatta per la prevenzione dei raffreddori, antiossidante, efficace nella cura dell’asma e di altre malattie respiratorie.

Si tratta di una pianta erbacea annuale, diffusa in tutte le regioni italiane, che da sempre si presta a essere coltivata negli orti domestici.

Il Raphanus sativus, infatti, è originario dell’Asia Orientale, soprattutto Cina e Giappone, dove viene apprezzato da oltre 3.000 anni.

Le piante di rapanello non raggiungono altezze molto elevate, al massimo un metro, e non producono più di un frutto l’anno, al punto che sono definite come una pianta monocarpica, cioè con un solo frutto prodotto nel corso del loro ciclo stagionale.

Ma è una pianta ottima anche per le stagioni calde, poiché il rapanello apporta infatti pochissime calorie, solamente 11Kcal per 100 grammi di prodotto, ed è un ortaggio ricchissimo di acqua, che costituisce il 95,6% in peso.

Tuttavia il rapanello contiene una modesta quantità di Vitamine del gruppo B, acido ascorbico (vitamina C) e sali minerali, assorbiti dal terreno e ben si presta a insaporire insalate e le classiche diete ipocaloriche.

Il sapore particolarmente pungente e leggermente piccante impreziosisce tante insalate, mentre il colore rosso intenso all’esterno e bianco ghiaccio all’interno può essere sfruttato per decorare piatti freddi e guarnire carni e pesci.

Generalmente, il rapanello viene tagliato con la forma di rondelle sottilissime condite con olio e limone, poiché il succo di quest'ultimo ne facilita la digestione ed è spesso consumato anche in pinzimonio, associato a carote, finocchio, sedano e pomodori.

È consigliabile tuffare i rapanelli in abbondante acqua fredda per qualche ora, prima di utilizzarli per le insalate, facendo così, infatti, si accentua la croccantezza della radice.

Inoltre, il rapanello si mangia anche cotto, e spesso utilizzato per la preparazione di frittate o semplicemente come contorno.

Pavia

Pavia, la nostra Pavia

Copyright © PaviaFree.it, il blog di Pavia e provincia IT11086080964