• Home
  • Cronaca
  • Regione Lombardia: 26.5 milioni per la sostituzione dei veicoli più inquinanti, contributo fino a 8.000 euro

Regione Lombardia: 26.5 milioni per la sostituzione dei veicoli più inquinanti, contributo fino a 8.000 euro

  • Paola Montonati

71091064 997377043938921 3568831636420165632 nCon il via libera al pacchetto di incentivi per il cambio auto di Regione Lombardia si prospetta una situazione molto conveniente per chi si prepara all’acquisto di una nuova macchina.

Sarà pubblicato ai primi di ottobre il bando che consentirà - a partire dal 15/10 - di presentare le domande per accedere al contributo, fino a 8.000 euro, per la sostituzione dei veicoli inquinanti.

"Per il periodo 2019-2020 - ha annunciato l'assessore regionale all'Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo nel corso del convegno E-mob in programma fino a sabato a Palazzo Lombardia - abbiamo stanziato 26,5 milioni di euro: 8,5 milioni di euro sono destinati alle imprese e 18 milioni sono destinati ai cittadini".

"Questa rivoluzione - ha aggiunto - deve passare attraverso un cambio di paradigma: l'auto elettrica deve diventare parte di un nuovo modello di trasporto che riduca il numero di veicoli in circolazione e questo passa inevitabilmente per la condivisione. In questo si innesta anche la modifica dell'uso del veicolo nelle flotte aziendali e il potenziamento del TPL".

"Anche in questa prospettiva - ha aggiunto Cattaneo - Regione Lombardia ha previsto un pacchetto di incentivi, nei quali sono compresi anche i anche i veicoli elettrici, che consentirà ai cittadini lombardi e alle imprese di sostituire il proprio veicolo inquinante. Migliorare la qualità dell'aria è una nostra priorità. Stiamo adottando nel tempo politiche realiste che favoriscono gli spostamenti dei cittadini e nello stesso tempo guardano ad una mobilità sempre più green".

"I processi di transizione verso assetti maggiormente virtuosi - ha aggiunto l'assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi - devono essere sostenuti con convinzione dalle istituzioni. È quello che stiamo facendo per agevolare la diffusione della mobilità elettrica. Penso all'attivazione del bando dedicato ai privati per incentivare la 'diffusione di punti di ricarica privata per veicoli elettrici', ovvero le strutture per la ricarica domestica: iniziativa che ha ottenuto un ottimo riscontro. Penso al bando Pnire che consentirà di cofinanziare colonnine di ricarica in molti Comuni lombardi".

L'assessore Terzi ha anche ricordato che la Regione Lombardia ha reso strutturale "l'esenzione dal pagamento della tassa automobilistica per le vetture elettriche. I segnali sono positivi: Il mercato privato dell'auto elettrica è in crescita anche nel nostro territorio. Si tratta di una tendenza che va incoraggiata. Il nostro lavoro, di concerto con tutti gli attori in campo, va esattamente in questa direzione".

Soggetti privati residenti in Lombardia che radiano per demolizione un autoveicolo per il trasporto persone a benzina fino a euro 2 o diesel fino ad Euro 5, oppure radiano per esportazione all'estero un autoveicolo diesel per il trasporto persone euro 3, euro 4 o euro 5 e acquistano, anche nella forma del leasing finanziario, un'autovettura di nuova immatricolazione o già immatricolata in grado di garantire bassissime emissioni di inquinanti. È necessaria inoltre la presenza, sul contratto d'acquisto del nuovo autoveicolo, di uno sconto di almeno 12 per cento sul prezzo di listino oppure in alternativa per i soli veicoli elettrici puri di un importo pari ad almeno 2.000 euro. Sono ammessi anche gli interventi (radiazione e acquisto) effettuati antecedentemente all'avvio della presente misura ma successivi alla data del 2 agosto 2018 (data di approvazione della delibera n.449/2018 che ha introdotto nuove limitazioni della circolazione dei veicoli inquinanti

Tutte le imprese con sede, anche operativa in Lombardia ai sensi dei Regolamenti CE 1407/2013 (aiuti 'de minimis') e 651/2014 (aiuti in materia di tutela ambientale. Per accedere al contributo, è sempre necessaria la contestuale radiazione per demolizione o per esportazione all'estero di un autoveicolo inquinante e la presenza, sul contratto d'acquisto del nuovo autoveicolo, di uno sconto di almeno 12 per cento sul prezzo di listino.

Per quanto le autovetture private, a fronte della radiazione di un'autovettura di categoria M1, fino a Euro 2 con alimentazione a benzina e fino a euro 5 con alimentazione diesel, è possibile ricevere un contributo da 2.000 a 8.000 euro a seconda dei valori emissivi: 8.000 euro per vetture con emissioni di CO2 pari a zero, da e 6.000 a 4.000, a seconda delle emissioni di NOx, per vetture con emissioni di CO2 fino a 60 g/km, da 5.000 a 3.000 euro , a seconda delle emissioni di NOx, per vetture con emissioni di CO2 maggiori di 60 g/km fino a 95 g/km e, in ultimo da 4.000 a € 2.000 , a seconda delle emissioni di NOx, per vetture con emissioni di CO2 maggiori di 95 g/km fino a 130 g/km.

Per quanto riguarda i veicoli destinati alle imprese i contributi variano da 2.000 a 20.000 euro a seconda della categoria emissiva del veicolo. Per i veicoli 'pesanti' Euro 6, anche con criteri incentivanti rispetto all'utilizzo di combustibili alternativi, mentre per i veicoli "leggeri" Euro 6 il contributo è basato sulle emissioni di CO2 (ciclo NEDC) e sulle emissioni di NOX (RDE) PM10.

Pavia

Pavia, la nostra Pavia

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.