• Home
  • Cronaca
  • Pavia: Città ostile ai pedoni, i marciapiedi sono invasi dalle auto

Pavia: Città ostile ai pedoni, i marciapiedi sono invasi dalle auto

  • Paola Montonati

71038664 533232967434763 1798576782799011840 nCon un comunicato stampa apparso oggi pomeriggio, 25 settembre 2019, sul sito ufficiale di Codacons Lombardia e anche sul proprio profilo Facebook, la sezione di Pavia fa sentire la sua voce sulla situazione dei parcheggi e del traffico in città. Invocando la soluzione dei parcheggi interrati o di un silos.

Tra centro e periferia sono numerosissimi i marciapiedi invasi dalle auto parcheggiate che impediscono un transito normale a chi cammina. Le strisce bianche, blu o gialle, permettono di lasciare lecitamente il proprio veicolo dove dovrebbero transitare i pedoni.

Un vero e proprio paradosso che si riscontra in qualsiasi punto della città; a San Pietro come a Città Giardino, in via Riviera dietro la stazione sino alle vie più a ridosso del centro. In molte zone i pedoni hanno solo due possibilità: o strusciare contro il muro evitando di intaccare gli specchietti delle auto oppure stare sul ciglio della strada molto trafficata in periferia o con i fastidiosi sanpietrini in centro. Di marciapiedi addirittura non se ne parla proprio in via Spallanzani, mentre in via Palestro, costeggiando la scuola Carducci i pedoni preferiscono stare in mezzo alla strada così come accade in via San Martino, nei pressi di piazza Ghisleri.

Codacons: “La situazione è grave e in tutta la città le cose non cambiano: i marciapiedi sono invasi dalle auto! Non si può pensare di ridurre il numero degli stalli di sosta, soluzione questa che farebbe morire definitivamente il centro, l’unica soluzione è la progettazione e la realizzazione di un parcheggio interrato o anche un silos a ridosso della zona centrale. La domanda rimane: cosa si aspetta ad intervenire?”.

Pavia

Pavia, la nostra Pavia

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.