• Home
  • Cronaca
  • Da Regione Lombardia 5,5 milioni di euro alle imprese agricole, per abbattere costi degli interessi bancari

Da Regione Lombardia 5,5 milioni di euro alle imprese agricole, per abbattere costi degli interessi bancari

  • Paola Montonati

70905324 512353529341834 6677157673932161024 n"Torna il credito agevolato alle imprese agricole lombarde. La Regione Lombardia investe 5,5 milioni di euro in tre anni per sostenere il fabbisogno di liquidità necessaria al funzionamento delle aziende del settore primario mediante la concessione di contributi in conto interesse". Lo ha detto Fabio Rolfi, assessore regionale ad Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, presentando la nuova misura della Regione che ha istituito un fondo per sostenere gli agricoltori lombardi nel pagamento degli interessi sui crediti bancari concessi alle imprese agricole.

"Di fatto - ha detto l'assessore - la Regione favorisce economicamente l'accesso al credito delle imprese agricole attraverso il concorso nel pagamento degli interessi sulle operazioni di credito effettuate dalle banche".

"Questa misura è molto attesa dal comparto agricolo. Vogliamo che le aziende investano e promuovere l'abbattimento degli interessi sui finanziamenti può essere un incentivo importante" ha aggiunto Rolfi, che ieri ha incontrato i rappresentanti delle associazioni di agricoltori.

Il finanziamento richiesto dall'azienda deve avere una durata compresa tra i 24 mesi e i 60 mesi e deve corrispondere a un importo compreso tra 50.000 e 150.000 euro. Il contributo massimo concedibile dalla Regione è di 20.000 euro.

"Stiamo mettendo a punto con le associazioni di categoria i dettagli del bando che verrà pubblicato nelle prossime settimane" ha concluso l'assessore. "Abbiamo previsto ulteriori agevolazioni, fino ad arrivare all'abbattimento del 100% del tasso di interesse - ha aggiunto Rolfi -, per le aziende colpite da maltempo nei mesi scorsi. Interveniamo ancora prima del riconoscimento nazionale dello stato di emergenza per aiutare i nostri imprenditori a ripartire".

Pavia

Pavia, la nostra Pavia

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.