• Home
  • Cronaca
  • REGIONE LOMBARDIA: uno sportello unico a supporto della digitalizzazione nei comuni lombardi

REGIONE LOMBARDIA: uno sportello unico a supporto della digitalizzazione nei comuni lombardi

  • Paola Montonati

mo ve lombardia 1Regione Lombardia ha approvato il 5 agosto 2019, il Protocollo d'Intesa per supportare l'avvio del Progetto dello Sportello Unico per le Attività Produttive (Suap), al fine di migliorare il livello delle prestazioni e dei servizi resi alle imprese.

Lo prevede la delibera regionale proposta dell'assessore di Regione Lombardia agli Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni Massimo Sertori, di concerto con l'assessore allo Sviluppo economico Alessandro Mattinzoli.

Lo Sportello Unico per le Attività Produttive è uno strumento di semplificazione amministrativa che mira a coordinare tutti gli adempimenti richiesti per la creazione d’imprese, al fine di snellire e semplificare i rapporti tra la Pubblica amministrazione e i cittadini.

Il Progetto comprende alcuni Comuni allocati nella Zona del Nord-Ovest Milano con capofila il Comune di Rho. Al momento hanno già aderito i Comuni di Bollate, Vanzago e Pregnana Milanese. I soggetti firmatari del Protocollo d'Intesa, la cui sottoscrizione avverrà dopo la pausa estiva, saranno le Direzioni generali di Regione Lombardia a Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni e allo Sviluppo economico, la Città Metropolitana di Milano, la Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza, Lodi, Assolombarda Confindustria Milano, Monza e Brianza, Lodi e lo stesso Comune di Rho, capofila del Suap.

"L'obiettivo - ha spiegato Sertori - è di assicurare un supporto concreto gli Enti locali lombardi durante il processo di trasformazione digitale in atto e sostenere il recupero della competitività del sistema produttivo Lombardo. Il tutto attraverso adeguati strumenti tecnologici e mediante assistenza gratuita agli sportelli".

"Con questa Intesa - ha concluso l'assessore - continuiamo a rafforzare il rapporto tra Regione Lombardia e il territorio metropolitano e a favorire la cooperazione tra gli Enti locali, anche a fronte di un futuro riordino territoriale a livello nazionale".

 

Pavia

Pavia, la nostra Pavia

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.