Festivaletteratura 2019

  • Paola Montonati

festival mantova 2019 2Dal 4 al 8 settembre a Mantova, la città dei Gonzaga, tornerà con l’edizione ventitré il Festivaletteratura, con trecento appuntamenti che in cinque giorni renderanno la città un punto di riferimento per turisti e appassionati di letteratura provenienti da tutta Italia e non solo.

Come sempre, il Festivaletteratura proporrà tra gli ospiti una serie di nomi di assoluto valore e prestigio.

Tra di loro spiccano per gli stranieri Margaret Atwood, narratrice canadese di fama mondiale, con I testamenti, seguito di Il racconto dell’ancella, l’egiziana Nawal al-Sa’dawi, il romanziere statunitense  Dave Eggers e, sempre dagli Stati Uniti, Jonathan Safran Foer.

Per gli italiani i nomi più attesi saranno Corrado Augias, con un saggio sui Vangeli, Federico Buffa, scrittore e giornalista di sport, Gianrico Carofiglio, Erri De Luca, con il nuovo romanzo Impossibile, Antonio Dikele Distefano, Massimo Gramellini, Massimo Recalcati e Benedetta Tobagi, con la storia del processo di Piazza Fontana.

Imperdibili saranno gli appuntamenti col direttore de L’Espresso e volto noto di La 7 Marco Damilano, con il freestyler delle due ruote a pedali Vittorio Brumotti, con i musicisti Ghemon e Frankie h-nrg mc, con l’attrice Paola Minaccioni e con il campione nelle corse e nella vita Alex Zanardi, che si è ripreso con coraggio e determinazione dal gravissimo incidente del 2001, in cui perse entrambe le gambe.

Uno dei più interessanti è l’appuntamento con Glay Ghammouri e Marco Malvaldi, un carcerato e uno scrittore, che hanno scritto la tragicommedia carceraria Vento in scatola.

La città in libri scelta da Festivaletteratura per il 2019 sarà Tirana, cosi nella Tenda dei libri di piazza Sordello sarà allestita una biblioteca temporanea curata da Luca Scarlini, con 200 tra romanzi, reportage e saggi dedicati alla città simbolo dell’Albania di ieri e oggi, che verrà riproposta anche negli incontri con gli scrittori Fatos Kongoli e Virgjil Muçi, nel concerto jazz di Elina Duni e nella lezione dell’architetto Elisabetta Terragni.

Ma prima del festival a Mantova ci sarà l’immancabile appuntamento aperto alla cittadinanza con la distribuzione dei libretti, che si terrà mercoledì 31 luglio alle 21, in piazza Leon Battista Alberti, con ospite il linguista e storico della lingua Giuseppe Antonelli, che racconterà del suo sogno per la realizzazione di un museo della lingua italiana, un viaggio nella grande storia dell’italiano e sia un dialogo con la comunità dei suoi parlanti.

Pavia

Pavia, la nostra Pavia

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.