Primavera in Duomo

  • Paola Montonati

primavera duomo 2019 1Per il nuovo appuntamento dell'iniziativa Primavera in Duomo, previsto per domenica 19 maggio alle 15 con ritrovo in Piazza Cavagneria, ideata da Renata Crotti, presidente della Fondazione Museo Diocesano, si terrà una visita guidata alla cripta romanica di Santa Maria del Popolo e al complesso urbanistico che vede al centro il duomo con Piazza Piccola o Atrio di San Siro, oggi nota come Piazza Duomo, Piazza Grande diventata oggi la Piazza della Vittoria e Piazza Cavagneria.

Le guide d'eccezione stavolta saranno gli studenti degli Istituti Taramelli, Foscolo, Bordoni che hanno partecipato a un nuovo progetto di Scuola Lavoro proposto dalla Fondazione Comunitaria, curato da Susanna Zatti sugli aspetti artistici e da Renata Crotti sulla funzione socio-economica, politica e religiosa delle tre piazze.

Si è potuto cosi apprendere che per esempio in Piazza della Vittoria sulla Casa Rossa, l'elegante palazzo fatto costruire da Nicolino dei Diversi, Maestro delle Entrate Ducali, verso il 1374, l’attuale vuoto in una splendida cornice un tempo conteneva un affresco settecentesco consumatosi nel tempo e che venne restaurato negli anni Ottanta con il sostegno economico di Giuliano Ravizza, il creatore di Annabella.

Oggi dell’affresco resta un bozzetto preparato per l'occasione dal pittore pavese Ezio Carboni, conservato ed esposto nella Boutique Rezzani, in Piazza della Vittoria, come un vivo ricordo dello stretto rapporto tra la piazza dove si teneva nell’Ottocento il mercato e il mondo del commercio.

Inoltre gli studenti daranno una lettura molto documentata e originale degli spazi della grande cripta romanica di Santa Maria del Popolo, una delle due cattedrali gemella che per tutto il Medioevo si trovavano sulla Piazza Piccola.

Saranno gli studenti a far notare i mosaici pavimentali di grande bellezza, capitelli romanici, lacerti di affreschi e una struttura medievale ricca ancora oggi di fascino che ben si sposa con la presenza di pilastri in cemento armato, in una strana combinazione tra passato e presente che venne ideata dall'ingegnere e progettista Gianpaolo Calvi, cui si deve tanta parte di ciò che oggi si può ammirare nel Duomo, come ha spiegato in più di un’occasione Renata Crotti.

Ad accogliere i visitatori ci saranno i volontari del Touring Club, con Don Siro Cobianchi, il direttore dell'Ufficio dei beni culturali della Diocesi di Pavia.

Pin It

Pavia

Pavia, la nostra Pavia

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.