• Cucina
  • Dolci antichi: Torta Margherita

Dolci antichi: Torta Margherita

torta margherita 1La Torta Margherita è un dolce semplice, che con la sua preparazione evoca i ricordi e sapori di un tempo ormai lontano, con un nome che deriva dalla somiglianza con la margherita al momento in cui viene tagliato fette, con i petali candidi di zucchero a velo e al centro la corolla gialla e dorata dell’impasto.

Nella leggenda si dice che questa torta sia nata come il dolce delle feste, presente nelle regioni del Centro e Nord Italia come tipica tradizione nelle comunità agricole e rurali ed era spesso oggetto di scambio o dono in occasione d’inviti.

La sua preparazione forniva sempre la buona occasione per mostrare abilità e creatività nel suo confezionamento e all’inizio gli ingredienti non prevedevano né olio né burro, allora considerati costosi e preziosi, che furono inseriti solo successivamente.

La buona riuscita del dolce dipende dal meticoloso lavoro di montatura a frusta degli albumi e nessun elemento lievitante poteva garantirne la morbidezza, unito alla consapevolezza che una torta era qualcosa di raro, meritato e da gustare senza fretta.

Nel suo ricettario Pellegrino Artusi diceva di preparare la torta margherita con una pasta a base di sola fecola per avere una consistenza leggerissima, come sosteneva un suo amico, che ne adottò immediatamente la ricetta e la mise in vendita nella sua bottega con un enorme successo.

Ottima per essere farcita con creme bianche o al cioccolato, questa torta e buona anche semplicemente spolverata di zucchero a velo e inzuppata nel tè.

Ingredienti

200 grammi di zucchero - 125 grammi di uova - 150 grammi di tuorli - 100 grammi di fecola di patate -  100 grammi di farina 00 -  50 grammi di burro -  i semi di 1/4 di baccello di vaniglia -  120 grammi di burro -  360 grammi di zucchero a velo - 2 cucchiai di latte - coloranti alimentari.

Preparazione

Montata con le fruste le uova con lo zucchero e i semi di vaniglia fino ad avere un composto gonfio, spumoso e chiaro, poi continuando a montare aggiungete a filo i tuorli.

Unire, sempre mescolando delicatamente con una spatola e muovendola dal basso all’alto, la farina e la fecola precedentemente setacciate tra loro, poi aggiungete il burro che sarà stato fuso a una temperatura di 40-42 °C .

Versate il composto nella tortiera, che sarà stata precedentemente imburrata, e cuocetelo in un forno preriscaldato a 180 °C per circa 20 minuti.

Nel frattempo lavorate con le fruste il burro con lo zucchero a velo fino a ottenere un composto liscio e senza grumi, poi aggiungete un paio di cucchiai di latte, ma si può arrivare anche a tre, In modo da avere la consistenza di una crema.

Con i coloranti alimentari colorate la crema, che a questo punto potrà essere usata per decorare o farcire la torta.

Se piace, potete aromatizzare la crema al burro con dell’estratto di vaniglia, aggiungendone un pizzico.

Tagliate a metà la torta appena tiepida, farcitela con la crema e servitela come dolce per la colazione oppure nel ruolo di un dessert per la fine del pranzo.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.