• Eventi
  • Mortara Palio della Santa Croce 2019

Mortara Palio della Santa Croce 2019

palio santa croce 2019 1Domenica 5 maggio si terrà a Mortara, tra le risaie della Lomellina, la prima edizione del Palio della Santa Croce, dove le contrade, protagoniste dal 1970 del Palio dell’Oca a settembre, proporranno un Palio per la festa patronale della città, che sarà preceduto da un maestoso corteo storico.

Il corteo storico è ambientato negli anni tra il 1492 e il 1496, che videro il passaggio dal Medioevo al Rinascimento, quando Mortara era un borgo appartenente al Ducato di Milano, retto da Ludovico Sforza.

Il territorio mortarese, con boschi ricchi di selvaggina e vaste aree paludose, era una delle mete di caccia predilette da Ludovico che, dal castello di Vigevano, vi andava con la moglie Beatrice d’Este e con la sua corte. 

Il Corteo Storico e il Palio raccontano la presenza di Ludovico e della sua corte a Mortara, con le corporazioni locali che omaggiano il duca con i prodotti del loro lavoro e si contendono, tra giochi, sfide e prove di abilità, il Palio, simbolo del favore del Duca. 

Le Contrade sono così le attività produttive cittadine e le organizzazioni territoriali per la difesa della città e in particolare delle sue porte. 

La passeggiata storica sarà aperta dalla corte di Ludovico il Moro e Beatrice d’Este, impersonati da Roberto Frigerio e Irene D’Angelo, e dalla delegazione comunale della Mortara sforzesca con Pier Pirola che sarà il podestà Carlino di Angelo Caposilvi.

Poi seguiranno le sette contrade con i contradaioli della Torre, reduci dalla vittoria dello scorso settembre, quindi ci saranno Braide, San Dionigi, il Moro, Sant’Albino, San Cassiano e il Dosso.

Nobili, borghesi e popolani attraverseranno la città, come da tradizione, partendo alle 15 da corso Principe Amedeo per arrivare in Piazza del Teatro dopo aver attraversato corso Garibaldi, corso Cavour, via Cortellona, via Roma, corso Josti, via XX settembre, via Fagnani e via Belluschi.

Poi le contrade si sfideranno su quattro prove, il gioco della marna, il lancio del brocchiere, la corsa sui ceppi e il lancio dei cerchi,oltre a due prove con protagonisti gli arcieri, il tiro sulle sagome e il tiro al paglione.

Le sei sfide verranno intervallate dalla grande novità del 2019, cioè la scherma medievale del Trofeo Città di Mortara, dove gli otto sfidanti rimasti in gara saranno abbinati alle sette contrade, mentre uno sarà abbinato in segreto a una delle contrade, e inizierà la sfida.

Dai giochi le contrade otterranno dei punti si sommeranno al punteggio ottenuto dagli arcieri, cosi la classifica finale sarà determinata dalla somma dei punti e vincerà il Palio la contrada che avrà il punteggio più alto.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.