Cusago in fiore 2019

  • Paola Montonati

cusago fiore 2019 1La tredicesima edizione di Cusago in Fiore si terrà sabato 13 e domenica 14 aprile presso il Castello Visconteo di Cusago, in provincia di Milano.

Le origini del castello di Cusago risalgono al 1360, quando Bernabò Visconti decise di far erigere una fortezza nelle campagne intorno alla città di Milano con lo scopo di sfuggire alle periodiche epidemie e per cacciare nei mesi estivi e autunnali.

Tra il XIV e il XV secolo Cusago fu il punto di riferimento dei successori di Bernabò, Gian Galeazzo e Giovanni Maria, che vi soggiornarono diverse volte.

A metà del XV secolo Filippo Maria Visconti fece ampliare il castello, con la costruzione del Naviglietto, che univa all'altezza di Gaggiano Cusago e il Naviglio Grande, permettendo di raggiungere il castello da Milano per via acqua.

Con la morte dell’ultimo Visconti il castello cadde in uno stato di totale abbandono, in cui venne addirittura destinato a lazzaretto durante un’epidemia di peste.

Tra il 1485 e il 1490 il palazzo, per volontà di Ludovico il Moro e sua moglie Beatrice d’Este, venne ricostruito e ampliato nella forma attuale, e ospitò ambasciatori e importanti nobili milanesi.

Durante la dominazione francese e spagnola il castello subì una nuova fase di declino fino al 1525 quando Francesco II Sforza, per fronteggiare gli ingenti debiti dovuti alla guerra, dovette vendere il castello con gran parte delle terre circostanti al banchiere milanese Massimiliano Stampa, poi marchese di Soncino.

In seguito l’ultimo marchese di Soncino, rimasto senza eredi, alla sua morte lasciò in eredità il castello alla famiglia Casati.

Negli anni Sessanta il castello venne venduto alla Coriasco e in seguito fu acquisito da un gruppo di privati per i necessari restauri.

Oggi il castello versa in condizioni di serio degrado e incuria e necessita di un restauro che ne preveda un uso privato e pubblico.

Cusago per due giorni ospiterà vari vivaisti d’eccellenza che hanno scelto la prestigiosa sede dei prati intorno al Castello Visconteo per presentare il meglio della loro produzione, provenienti da ogni parte d’Italia e anche da Oltralpe, con fiori e piante rare, bulbi, semi, bonsai, rose, acidofile, iris americani, collezioni di cactacee e tanto altro ancora.

La Piazza del Castello e i prati adiacenti si tingeranno di molte sfumature primaverili e il pubblico potrà andare tra piante rare e insolite, piante ornamentali e da frutto, erbe aromatiche, bulbi e varietà di ogni genere.

Non mancheranno i prodotti di artigianato artistico e, nella giornata di domenica, la mostra mercato dell’antiquariato e del cibo biologico.

Sono previste anche le lezioni tenute dagli esperti sulla coltivazione di camelie e azalee e, per tutta la manifestazione, gli amanti dello Street Food potranno assaporare le migliori proposte della cucina italiana e internazionale.

Ci saranno anche gli incontri con i vivaisti per la cura delle piante, la mostra di Silvia Nava Acquerelli… In Fiore e un laboratorio per bambini.

Sabato 13 si terrà una dimostrazione dell’arte giapponese dell’Ikebana, a cura di Anna Massari del Chapter Ohara di Milano e nella mattina del 14 il giardiniere Carlo Pagani terrà la conferenza L’utilizzo delle rose nel giardino e alle 15 è previsto per i più piccoli Sotto il Tiglio. Rosella racconta le fiabe.

Pavia

Pavia, la nostra Pavia

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.