Weekend alle Grotte di San Ponzo

  • Paola Montonati

san ponzo weekend 2019 1Per domenica 3 febbraio Calyx proporrà il primo di una serie d’itinerari alla scoperta della natura in Oltrepò Pavese e Val Curone, senza trascurare il fascino di questi territori anche dal punto di vista enogastronomico.

Dopo il ritrovo alle 9:45 presso Via San Ponzina in San Ponzo Semola, frazione di Ponte Nizza, dalla 10 si partirà per un viaggio nel borgo di San Ponzo, il paese medievale dalle case in sasso, per poi continuare lungo i sentieri boschivi in direzione delle grotte, uno dei siti fossili più noti dell’Oltrepò Pavese.

Si attraverseranno boschi secolari di castagno che daranno la possibilità di osservare l’ecosistema di un castagneto, fino ad arrivare alla zona dove la roccia arenaria è stata scavata dagli agenti atmosferici, formando le grotte in cui venne rinvenuto il corpo dell’eremita Ponzo.

Il sentiero continuerà verso il Monte Vallassa, il punto più alto di questo itinerario, tra boschi di quercia e carpini, fino ad arrivare a una terrazza panoramica naturale da cui si può godere una vista mozzafiato sulla Valle Staffora e l’Alto Appennino.

Sul Monte Vallassa c’è l’importante sito archeologico di Guardamonte, dove, oltre ai resti di un castelliere ligure, ci sono una serie di reperti che raccontano l’antichissima origine della vocazione agricola e commerciale di queste zone, inoltre è prevista una degustazione di prodotti tipici delle Valli Staffora e Curone.

Dopo un breve riposo si partirà per la seconda parte dell’anello, tutta in discesa, oltre a visitare un secondo sito fossilifero in zona Guardamonte. 

Per tutto il ritorno si potranno i numerosi caprioli e daini che vivono in queste zone, oltre ale tracce del lupo che ormai popola questo territorio in maniera importante.

Il percorso ha una lunghezza di 7 km e un livello di difficoltà E, oltre a richiedere un sufficiente allenamento a camminate in montagna, e durerà circa 6 ore, con la pausa per la degustazione e le spiegazioni comprese, e si snoderà interamente su sentieri sterrati, con un dislivello positivo di 450 metri.

L’equipaggiamento dovrà essere composto da scarponi o calzature da trekking, bastoncini da trekking, giacca antivento e scorta di acqua per tutta la giornata.

Il rientro alle macchine è previsto per le 16 e in caso di maltempo la camminata sarà annullata.

Il costo è di 15 euro a persona e nella quota sarà compresa la guida naturalistica con spiegazioni e la degustazione di prodotti tipici.

La prenotazione, obbligatoria, è da fare entro le 16 di sabato 2 febbraio.

Per più info e prenotazioni si può scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure telefonare a 3495567762.

Pin It

Pavia

Pavia, la nostra Pavia

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.