BeviAMOntù 2018

bevimontu 2018 1Domenica 10 giugno, a Montù Beccaria, nelle colline del Pavese, si terrà la seconda edizione di BeviAMOntù. 

Un borgo con una storia che parte dal Barbarossa, per arrivare attraverso alterne vicende fino a noi.

Di Montù Beccaria si parla per la prima volta in un diploma di Federico Barbarossa del 1164, dove si dice che i signori pavesi, i Beccaria, avevano edificato un fortilizio militare per controllare i movimenti e i trasporti allo sbocco della Val Versa e proteggersi dagli assalti degli avversari.

Nel Medioevo il fortilizio venne più volte distrutto e riedificato durante le lotte fra le famiglie di Milano, Pavia e Piacenza.

All'inizio del Seicento l'ultimo discendente dei Beccaria di Pieve del Cairo, Aureliano, lasciò nel suo testamento il fortilizio, con 6000 pertiche di terreno, alla Congregazione dei Barnabiti che, in due secoli, fecero di Montù un centro educativo e culturale molto apprezzato.

Sotto Napoleone, nel 1802, la Congregazione venne soppressa e i Barnabiti espropriati dei benefici ecclesiastici, fu abbattuta la chiesa di Sant'Aureliano, costruita dai Padri, mentre il monastero, edificato sull'area del fortilizio, fu venduto a un privato, Eugenio Vercesi.

Montù raggiunse il culmine della sua fama alla fine dell’Ottocento, grazie all'appartenenza al collegio elettorale di Agostino Depretis, Presidente del Consiglio dei Ministri.

Strade, ponti, farmacia, caserma, scuola elementare, asilo e ospedale, fiere, arricchirono il paese, che arrivò a 4300 abitanti ed ebbe un ruolo fondamentale nelle guerre del Risorgimento e nei due conflitti mondiali.

Oggi Montù è un borgo che ha come cuore della sua economia il turismo e la cultura del vino.

La giornata avrà come protagonisti i produttori vinicoli, gli agriturismi e i ristoranti del paese, mentre l’offerta gastronomica delle sfiziose proposte locali verrà integrata da eccellenze alimentari di varia provenienza.

Oltre ai momenti conviviali, i visitatori potranno percorrere le vie del caratteristico centro storico, dove, tra scorci di panorami dell’Oltrepò, troveranno molte bancarelle ricche di pregiate tipicità alimentari. 

Il divertimento non mancherà anche per i più piccoli, infatti saranno organizzati i giochi di un tempo, per viaggiare con la fantasia nel passato, oltre a gustose merende. 

Alle 18:45 si terrà un concerto pop, funky e jazz nel cortile del Castello, eseguito dall’Orchestra di fiati Montuese. 

Per degustare vini senza limitazione ci si dovrà munire all’ingresso del bicchiere con tasca, al costo di 6 euro.

Maggiori info si possono avere scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure telefonando al numero 3393460744.

Pin It

Collabora

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pubblicità su PaviaFree.it
Scrivi per PaviaFree.it

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.