• Eventi
  • Festa a Sant’Alberto di Butrio
  • Eventi
  • Festa a Sant’Alberto di Butrio

Festa a Sant’Alberto di Butrio

eremo di butrio festa 1Dalle 14 di domenica 21 gennaio, presso l’Eremo di Sant’Alberto di Butrio, a Ponte Nizza, in provincia di Pavia, ci sarà una grande festa che, pochi giorni dopo la ricorrenza di Sant’Antonio, festeggia il protettore degli animali domestici con la tipica zuppa di castagne e latte di vacca varzese, accompagnata da un buon bicchiere di vin brulé. 

Infatti, secondo la leggenda, ogni anno presso l’Eremo si festeggiava la festa di Sant’Antonio, in occasione della quale veniva servita una zuppa a base di castagne e latte, latte munto direttamente dalle mucche delle stalle di Varzi.

Non deve stupire che la castagna fosse un ingrediente principale per la preparazione di una zuppa cosi nutriente, infatti, fin dai tempi dei Longobardi sia il latte delle mucche di Varzi che la castagna erano fondamentali per l’alimentazione dei contadini che vivevano in quella zona situata tra le colline dell’Oltrepò Pavese e i maestosi monti dell’Appennino tosco – emiliano, tanto che si narra, sia stata proprio la regina Teodolinda a portare in Italia i primi esemplari delle mucche di Varzi.

Sarà un pomeriggio all’insegna della tradizione, ma non solo, infatti, per la giornata nell’Eremo ci sarà anche la squadra dell’Auramala Project, il gruppo di ricerca che studia la vicenda di re Edoardo II d’Inghilterra e cerca di scoprire se la tomba dell’eremo è stata davvero l’ultima dimora del sovrano medievale inglese, che la storiografia ufficiale dice essere morto e sepolto in Inghilterra. 

Il programma prevede dalle 14 l’accoglienza, con la zuppa di castagne e vin brulé dalle 14:30.

Alle 14 e alle 15.30 ci sarà una spiegazione degli affreschi dell’eremo, a cura della profesoressa Elena Corbellini, mentre alle 15 e alle 16 si terrà un racconto della vicenda di re Edoardo II presso la sua tomba, a cura dell’Associazione Culturale  Il Mondo di Tels.

Dalle 15 alle 16 Ivan Fowler, dell’Associazione Culturale Il Mondo di Tels, sarà a disposizione dei presenti che aspettano gli aggiornamenti sullo stato della ricerca storica, genealogica e genetica The Auramala Project, visibile sul sito theauramalaproject.wordpress.com, poi alle 16 si terrà la benedizione degli animali.

Durante l’evento si potrà degustare la tradizionale zuppa di castagne e latte di vacca varzese cucinata dalla chef Piera Selvatico, accompagnata con il vin brulé preparato da Caterina e Giovanna Brazzola dell’Azienda Agricola Montelio, il tutto allietato da pifferi e fisarmonica.

Alle 16.30 ci sarà la conclusione con una messa solenne e benedizione, mentre i canti liturgici sono a cura del Coro Parrocchiale di Retorbido. 

Per più info telefonare al numero 3451228130 oppure scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pin It

Collabora

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pubblicità su PaviaFree.it
Scrivi per PaviaFree.it

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.