• Eventi
  • Mercatini di Natale 2017 a Bagnaria

Mercatini di Natale 2017 a Bagnaria

bagnaria mercatini natale 2017 1Dopo le edizioni 2014,2015 e 2016 tornano venerdì 8 dicembre i Mercatini di Natale nel contesto del suggestivo Borgo Medievale a Bagnaria, nell’Oltrepò Pavese.

L'evento ospiterà più di 100 espositori, scelti con cura, che proporranno una serie di prodotti enogastronomici locali e articoli artigianali, hobbystica e oggettistica natalizia, per una manifestazione unica nella proposta e nella location.

Durante tutta la giornata la manifestazione vedrà anche le musiche natalizie tradizionali degli Zampognari tra vie del borgo e sarà allestito un punto ristoro con Vin Brulè, cioccolata, caldarroste, Caffetteria, dolci e panini caldi per tutti.

Alle 12.30 verrà distribuita la polenta con salsiccia o zola e alle 16 ci sarà il Concerto gratuito del San Germano Gospel Choir nella Chiesa di San Bartolomeo.

Saranno allestite inoltre una serie di mostre artistiche nei palazzi storici e nelle cantine antiche, oltre alla possibilità di partecipare al secondo concorso fotografico sul tema Bagnaria e il Natale.

Per i bambini ci saranno Arriva Babbo Natale al villaggio di Babbo Natale, i Laboratori con i Nani di Tassarolo, il Battesimo della Sella e altri giochi per grandi e piccini.

 

Bagnaria faceva parte del marchesato dei Malaspina dall'investitura imperiale del 1164, poi passò al ramo dello Spino Fiorito e, dopo la divisione della famiglia nei tre rami di Varzi, Godiasco e Pizzocorno, toccò all’ultimo.

Dopo che i Malaspina di Pizzocorno nel 1413 furono tutti uccisi nel castello di Olivola in Lunigiana, i loro beni furono dispersi e Bagnaria fu ceduta ai nobili Busseti di Tortona, e quando i feudi di valle Staffora, sottomessi dai duchi di Milano, vennero aggregati alle province del ducato, Bagnaria toccò non a Pavia ma a Tortona, di cui fece parte fino all'inizio del XIX secolo.

Nel 1485 il feudo di Bagnaria fu ceduto ai Fieschi di Genova, e dopo la loro ribellione fu dato ai principi Doria, che lo fecero riconoscere come imperiale o esente, poiché si trovava in una condizione molto più privilegiata rispetto alle giurisdizioni dell'Oltrepò, con la totale autonomia giudiziaria e fiscale, inoltre il diritto di appello era al tribunale del Principe Doria.

Il feudo fu poi abolito con l'arrivo di Napoleone e nel 1801 Bagnaria venne separata dal Tortonese e unita alla provincia di Bobbio, poi nel 1859 divenne parte della provincia di Pavia.

Nel 1929 Bagnaria fu aggregata al comune di Varzi, ma nel 1946, dopo la fine della seconda guerra mondiale, riacquistò l'autonomia comunale.

Collabora

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pubblicità su PaviaFree.it
Scrivi per PaviaFree.it

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.