• Eventi
  • Festa dei Musei 2017 all’Università di Pavia

Festa dei Musei 2017 all’Università di Pavia

luigi galvani notte musei 1A Pavia ci sarà un’apertura straordinaria del Museo per la Storia dell'Università sabato 20 maggio legata alla Festa dei Musei, con iniziative per la giornata internazionale dei Musei ICOM e la Notte dei Musei.

Dalle 15,30 alle 18,30 i visitatori saranno accompagnati tra le collezioni nate lungo la storia dell’Università, con una serie di visite guidate gratuite che seguiranno la storia delle controversie scientifiche.

Infatti, differenti interpretazioni dei fenomeni osservati e conseguenti controversie hanno avuto un ruolo notevole per lo sviluppo della scienza, quella tra Alessandro Volta e il medico bolognese Luigi Galvani portò alla scoperta della pila e agli sviluppi dell'elettrofisiologia.

Nel 1791 Luigi Galvani (1737-1798), anatomista e fisiologo bolognese, nel suo Commentarius affermò che le rane, pur decapitate e scuoiate, sono in grado di produrre ampi e duraturi movimenti delle zampe, se vengono collegati alcuni loro nervi e muscoli.

Il volume, in una seconda edizione, suscitò l'interesse di numerosi scienziati, tra i quali Alessandro Volta (1745-1827), fisico dell'Università di Pavia, che passò da un iniziale entusiasmo a una profonda critica.

Galvani, infatti, sostenevano l'esistenza di un’elettricità specifica degli animali che si origina nel cervello, si propaga tramite i nervi e s’immagazzina nei muscoli, mentre Volta evidenziava il ruolo dei conduttori come motori dell'elettricità e così facendo arrivò a identificare il potenziale di contatto.

Il dibattito tra Galvani e Volta ebbe per sfondo storico-politico la fine del dispotismo illuminato e la vittoria della rivoluzione francese e fu a Parigi che, nel 1801, Napoleone premiò Volta per l'invenzione della pila.

Gli esperimenti e gli strumenti di Galvani e Volta ebbero un enorme successo e modificarono gli sviluppi della scienza, le loro teorie stentarono ad affermarsi, anche perché in contrasto con i modelli dell’epoca.

Altre controversie raccontano il clima scientifico e culturale di un'epoca e permettono di comprendere meglio la storia di alcune teorie, oggi discusse e discutibili. Sono visibili anche diverse collezioni tra cui quella craniologica del Museo per la Storia dell'Università, con calchi del cranio di personaggi famosi come Francesco Petrarca, Ugo Foscolo, Gian Galeazzo Visconti e Alessandro Volta.

Dal cranio di Volta si è potuto ricostruire secondo le moderne tecniche dell'antropologia forense, il volto del grande scienziato, oggi esposto nella nuova sala per mostre temporanee del Museo, cui sarà dedicata la serata, con apertura dalle 21 alle 23.30.

Il biglietto d’ingresso costerà:4 euro ed è ridotto in occasione della festa e della notte dei Musei e valido per un mese per tutti i musei universitari, mentre sarà gratuito per gli studenti fino a 26 anni.

Collabora

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pubblicità su PaviaFree.it
Scrivi per PaviaFree.it

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.