• Monumenti
  • La perduta chiesa di San Marziano a Pavia
  • Monumenti
  • La perduta chiesa di San Marziano a Pavia

La perduta chiesa di San Marziano a Pavia

san marziano pavia 1In Via Cardano, nel centro storico di Pavia, un tempo si trovava la chiesa consacrata a San Marziano, il santo vescovo fondatore della diocesi di Tortona, venerato nel Pavese e nella Lomellina.

Marciano detto anche Marziano, conosciuto fin dall’alto Medioevo a Tortona era inserito nella lista dei vescovi della città, dagli studiosi e dalla devozione popolare, come protovescovo di Tortona ed era indicato come martire ai tempi dell’imperatore romano Adriano (117-138). 

In realtà vari documenti del secolo VIII non lo indicano come vescovo e fu solo nell’840 che Valafrido Strabone, nell’occasione della costruzione di una chiesa per ordine del conte Alpgero, lo indicò come protovescovo di Tortona e martire. 

Un altro documento del secolo X dice che Marziano era il vescovo di Ravenna, martire e fu sepolto a Tortona. 

La prima attestazione documentaria del monastero benedettino di San Marziano di Pavia è del 1180, mentre nel XIV secolo il monastero fu sottoposto alla giurisdizione del monastero di San Marziano di Tortona.

Il monastero di San Marziano dal 1460 sparisce dagli atti del comune di Pavia.

La chiesa di San Marziano fu attestata dall'anno 1180, mentre la parrocchia venne citata nel 1250 in una serie di documenti sulla storia pavese del secolo XIII, inoltre è menzionata tra le parrocchie di Porta Pontis nelle Rationes decimarum del 1322-1323, oltre a comparire nei rogiti del cancelliere episcopale Albertolo Griffi degli anni 1370-1420.

La parrocchia di San Marziano venne soppressa nel 1564, mentre la Chiesetta o Oratorio del Crocifisso fu fondata verso il 1570 per conto della nobile famiglia Giorgi, dopo la demolizione della Chiesa di San Marziano.

La chiesa del Crocefisso si trovava nel primo tratto di via Cardano, prima piazzetta a destra, ed era una succursale della vicina Chiesa di Santa Maria Cappella, collocata in via Rezia, nel tratto fra via Cardano e via Maffi.

Nel 1634 la chiesa venne ceduta dal Vescovo Bandriani alla Corporazione degli Orefici con l'obbligo di curarne la manutenzione, ma nel 1655 l'oratorio era ormai del tutto sottoposto alla totale giurisdizione di Santa Maria Cappella.

Nel XVIII secolo una disposizione del Governo abrogava le corporazioni d'arti e mestieri e nel 1725 la chiesa e il suo oratorio furono adibiti ad uso civile e privato. 

Collabora

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pubblicità su PaviaFree.it
Scrivi per PaviaFree.it

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.