Lomello Laumellum 2016

laumellum 2016 1Come ogni anno da venerdì 17 giugno a domenica 19 tornerà a Lomello, Laumellum: la Grande Festa Longobarda per le Nozze di Teodolinda, un evento unico in Lombardia ideato dalla Pro Loco Lomello in stretta sinergia e con il contributo dell’Amministrazione Comunale di Lomello.

Il programma della tre giorni longobarda ricorderà l’incontro e gli sponsali tra la regina Teodolinda e il suo secondo marito Agilulfo, duca di Torino, avvenuti, secondo la leggenda, nell’anno 590 d.C.

La manifestazione di quest'anno vedrà anche la rappresentazione dell'episodio della prigionia della regina Gundeberga nella torre della rocca di Lomello per ordine di re Arioaldo, fatto accaduto tra il 626 e il 628 d.C.

Saranno presenti molte attività artigiane in uso nel VII secolo d.C. rigorosamente ricostruite da esperti rievocatori, come ARC, Bandum Freae, Fara Laumellensis, Helvalgar, Matteo Ercole, Presenze Longobarde, Sagitta Historica, Teatro in Laumellum, tra cui tintura, tessitura, fusione del bronzo, estrazione dell'argento, arcieria, laboratori didattici di alimentazione, di medicina e altri ancora.

Scopo dell'organizzazione è quello di far immergere il turista nella vita di tutti i giorni dell’allora popolo longobardo, rievocando eventi fondamentali nella storia.

L’edizione 2016 avrà anche la presenza di un campo longobardo di notevole spessore filologico culturale, un banchetto medievale con animazione nello stile dell’epoca, un mercato medievale, notte bianca longobarda e varie conferenze storiche, come una su Le necropoli longobarde del Nord Italia, tenuta da Serena Scansetti, che aprirà la manifestazione nella sera di venerdì 17 alle 21.

Laumellum vedrà anche visite guidateal borgo antico di Lomello, infatti, sia sabato che domenica dalle 15 si potrà scoprire  il complesso monumentale di Santa Maria Maggiore, che comprende il battistero longobardo di San Giovanni ad Fontes.

Fiore all’occhiello tra i momenti di rievocazione storica, sarà il grande banchetto della sera di sabato 18.

Il menù sarà ricco e vario, con Ante Coena (Antipasti) come Ovatus cum cacio et uva (Barchetta con crema di formaggio e uva), Volutatio cum mixtura ovorum, (Rotolo di frittata), Ofella Piscis (Polpettina di pesce), Pruna circumvoluta lardo(Prugne con lardo), la Mensa Prima (Primo Piatto) con Sorbitio nuptiae (Zuppa nuziale), Pastae segmenta suco condita (Maltagliati alle castagne), la Mensa Secunda (Secondo Piatto) con Multa et varia caro ferina furnacea (Pasticcio di selvaggina), Pulticula cum caepa rubra et globi ciceris (Crema di cipolle rosse con polpette di ceci)e il Dulcis in Fundo (Dolci) con Sorbitio mellita cum cinnamo (Mousse alla cannella), Sphaerulae Agi (Palle di Agilulfo) e Involti cum fructa sicca(Rotolino con frutta secca).

La partecipazione al banchetto costerà 33 euro, aperitivo, digestivo e bevande comprese, la prenotazione è obbligatoria telefonando al numero 346/0096073 oppure scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Collabora

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pubblicità su PaviaFree.it
Scrivi per PaviaFree.it

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.