• Dialetto
  • Sandrinto: Cenerentola in Lomellina
  • Dialetto
  • Sandrinto: Cenerentola in Lomellina

Sandrinto: Cenerentola in Lomellina

cenerentola 1La favola di Cenerentola, nota nelle versioni di Perrault, Grimm e di Walt Disney, rivive in questa versione lomellina, tra ricchi possedenti e il ricordo dei lunghi balli nell’aia alla fine dell’estate, narrata da Pierina Colla e Adriana Tamburelli di Cozzo Lomellina.

Sa fiola l’éra dua un siùr. La fava la sandrinto al rè, forsi. Ma so mi, un siuròn a l’éra, che a gh’éra al vegliòn d’andà balà, è, e lé gh’à di-i tàca al so padròn, l’éra un giùan, è “Sta sìra voi pròpi gnì anca mi balà” gh’à di-i “Dua at vo mài andà ti balà?” l’éra tuta brutta, tuta oìna ad sandra “Epura voi gnì!”.

Mi ma sméia gh’à’ndài dénta’na fata, so mi si ca l’era, gh-à di-i “Parchè at piansi?” “Parchè voi andà balà mi e gh’o nientà da mat su” “A ti dòn mi i ròb da mat su” gh’à dài i vistì, gh’à dai i scàrpi, gh’à dai tuc’i ròbi, l’èra la pusè bèla che gh’éra là dénta. E l’a’ndai to su da balà.

Al l’à nutà e gh’à smià du oc’che l’àava già vust, ma dàto che lè l’era sémpar tuta bela pìna ad sandra al pudìva no capì mòda gh’àva la facia, tuta lavà e tuta pulida l’éra bèla, però i oc’ga smiàva la sandrino e po agh disìva insì “O vust du oc’che ga smiàvan tuc’i tò”.

E l’à’ndai divèrsi sìri balà (….) e lùra po’na sìra che l’à gnu un po’ tàrdi lé l’à cure’ parchè l’era tàrdi par andà ca, l’à pèrs’na scàrpà e lu annùra al l’à catà su al l’a purtà ca.

E che lu gh’à sarà drérà vàd duà l’à’ndài. E lù àgh disìva sèmp clà ròbà lì “O vust du oc’che i smiàvàn tuc’i to” gh’a di-i “Provà un po’ misurà sa scàrpa chì” lè àl l’à misurà e gh’àndàva bèn, gh’à dià-i “At la vàddi che t’éri ti!” e allurà àl l’à spusà.

cenerentola 4Questa ragazza era da un signore, Faceva la cenerentola dal re, forse. Che so io, un signorone era, che c’era il veglione per andare a ballare, eh, e lei ha detto al suo padrone, era un giovane, eh “Sta sera voglio proprio venire anch’io a ballare” gli ha detto “Dove mai vuoi andare tu a ballare?” era tutta sporca, tutta piena di cenere “Eppure voglio venire”.

A me sembra che è entrata una fata, so io cos’era, le ha detto “Perché piangi?” “Perché voglio andare a ballare anch’io e non ho niente da mettermi”, le ha dato i vestiti, le ha dato le scarpe, le ha dato tutte le cose, era la più bella che c’era là dentro. E ( lui ) è andato a prenderla per ballare.

L’ha notata e gli sembravano due occhi che aveva già visto, ma dato che lei era sempre tutta piena di cenere non poteva capire come aveva la faccia, tutta lavata e tutta pulita era bella, però negli occhi gli sembrava la cenerentola e poi le diceva così “Ho visto due occhi che sembravano tutti i tuoi”.

Ed è andata diverse sere a ballare (….) e allora poi una sera che è venuto un po’ tardi lei è corsa, perché era tardi per andare a casa, ha perso una scarpa e allora lui l’ha raccolta e l’ha portata a casa.

E che lui le è corso dietro per vedere dove è andata. E lui le diceva sempre quella cosa “Ho visto due occhi che sembravano tutti i tuoi” e le ha detto “Prova un po’ a misurare questa scarpa” lei l’ha misurata e le andava bene “Lo vedi che eri tu!” e allora l’ha sposata.

Pin It

Collabora

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pubblicità su PaviaFree.it
Scrivi per PaviaFree.it

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.