• Dialetto
  • La parabola del Buon Samaritano in dialetto lomellino
  • Dialetto
  • La parabola del Buon Samaritano in dialetto lomellino

La parabola del Buon Samaritano in dialetto lomellino

parabola 1Un dì ghè n’ daj jun da cui studià dal Signur per pial a la prova, e ga dij: “Maestar, sic – ca devi fa per ardità al Paradis?”.

E lu ga dij:  “Sic ghè scrit in ti cumandament? Mik at lesi?”.

E kul – là ga rispost: “At devi vuregh ben al Signur cun tut al to cour, con tutta la to amma, con tutta la to forsa e cun tutta la to ment: e  - t – devi vurègh ben al to vsin ma a ti”.

E lu, innura, ga dij: “Te rispost giust. Fa paragg e – t – vivrè!”.

Ma kul – là, per giustificass, gà ciama al Signur “E kik – lè al mè vsin?”.

Al Signur innura l’à dij: “A gh’era jun ch’andava da Gerusalém a Geric e l’à incuntrà di ladar. Gan pià tut, finna i vistì, gh’an fai una bela batuda e snen andai lasandal mès mort. Par cas, un prèv cal fava cla strà là, al – la vust e la tirà drit. Inca – si un cirighin cal pasava da là al – la – vust e sé non farmà. Un Samaritan c’lera in viag, lè pasà da là e vidindal, s’è pià kumpassion: innura ghe andai avsin, al ga midigà i macon cul oli e vin e gh – ja fasà su. Po al – là carià insimma dla so bestia e al – là purtà a l’alberg a al – là curà incura. Al di a drè l’à tirà fora du sold e gh’ja dai a l’ost a ga dji “Cùral! E sag – và pusè tla daro quand a – veni indrera. Kik lè da cui tri là, clè stai l’avsin per cul povròm cla incuntrà i ladar?”.

E cul là studià l’a dii: “Cul cal ga vu cumpassion ad lu”.

E al Signur innura ga dij: “Innura fa incati insi”.

parabola 2Ed ecco, un dottore della legge si alzò per metterlo alla prova, dicendo: “Maestro, che devo fare per ereditare la vita eterna?”

 Gesù gli disse:  “Nella legge che cosa sta scritto? Come leggi?”

Egli rispose: “Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta l'anima tua, con tutta la forza tua, con tutta la mente tua, e il tuo prossimo come te stesso”. 

Gesù gli disse:  “Hai risposto esattamente; fa' questo, e vivrai”.  

Ma egli, volendo giustificarsi, disse a Gesù:  “E chi è il mio prossimo?”

Gesù rispose: “Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico, e s'imbatté nei briganti che lo spogliarono, lo ferirono e poi se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. Per caso un sacerdote scendeva per quella stessa strada, ma quando lo vide, passò oltre dal lato opposto. Così pure un Levita, giunto in quel luogo, lo vide, ma passò oltre dal lato opposto. Ma un Samaritano, che era in viaggio, giunse presso di lui e, vedendolo, ne ebbe pietà;  avvicinatosi, fasciò le sue piaghe versandovi sopra olio e vino, poi lo mise sulla propria cavalcatura, lo condusse a una locanda e si prese cura di lui.  Il giorno dopo, presi due denari, li diede all'oste e gli disse: "Prenditi cura di lui; e tutto ciò che spenderai di più, te lo rimborserò al mio ritorno". Quale di questi tre ti pare essere stato il prossimo di colui che s'imbatté nei ladroni?” 

Quegli rispose: “Colui che gli usò misericordia”

Gesù gli disse: “Va', e fa' anche tu la stessa cosa”.

Collabora

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pubblicità su PaviaFree.it
Scrivi per PaviaFree.it

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.