• Home
  • Eventi
  • Ca’ del Monte: Castelliere tra le stelle

Ca’ del Monte: Castelliere tra le stelle

  • Paola Montonati

castelliere 1Nell’osservatorio di Ca’ del Monte, tra le colline dell’Oltrepò Pavese, il weekend del 28 – 29 marzo sarà qualcosa di davvero unico e imperdibile per gli amanti dell’astronomia.

Infatti, alle 21 di sabato 28, sarà possibile assistere non solo all’accensione della fornace, da poco restaurata, del Castelliere neolitico del Guardamonte, ma anche cercare a occhio nudo nel cielo stellato i 110 oggetti celesti del Catalogo Messier, uno dei primi astronomi moderni.

Il Castelliere neolitico del Guardamonte, che si trova nella zona estesa tra la sommità e le aree settentrionali del monte Vallassa, presso il crinale dei paesi di San Sebastiano Curone e Bagnària, venne scoperto nel 1951 da un gruppo di cacciatori intenti all’inseguimento di una volpe nascosta in una delle tante cavità del monte.

Grazie alle ricerche degli archeologici, è stato possibile scoprire che il Castelliere era un punto d’incontro per le popolazioni liguri che, nell’età del Ferro, si ritrovavano periodicamente dopo il lungo inverno e la caccia della primavera.

Poi l’insediamento venne occupato dalle popolazioni galliche della Francia e in seguito dagli Etruschi e dai Romani.

Il suo impianto urbanistico era con un lungo camminamento nel lato a sud, mentre su quello in lieve pendenza si possono vedere alcune mura che proteggevano le capanne degli abitanti in caso di assedio nemico.

Diversa è la storia di Charles Messier, che nel 1781, dopo anni passati a osservare la volta celeste ala ricerca delle comete, pubblicò il Catalogo dei 110 oggetti della volta celeste.

E da allora, nelle notti vicine all’equinozio di primavera, gli appassionati di astronomia cercano di vedere tutti gli oggetti celesti con il cannocchiale o a occhio nudo, in quella che è chiamata la Maratona Messier.

Dopo la serata di sabato, domenica 29 ci sarà la Passeggiata al Castelliere con gli archeologi, durante la quale si racconterà la storia delle popolazioni che hanno abitato il complesso, mentre i più piccoli all’Osservatorio parteciperanno a un laboratorio su come fare un vaso con la creta e saranno iniziati all’osservazione del sole con i telescopi.

Gli adulti dovranno pagare dieci euro sabato e otto domenica, mentre i bambini dai cinque ai dieci anni cinque euro.

Per info e prenotazioni telefonare 327 – 7672984 oppure scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pin it

Pavia

Pavia, la nostra Pavia

Copyright © PaviaFree.it, il blog di Pavia e provincia IT11086080964