• Cronaca
  • Un piccolo giallo, un deposito municipale dimenticato
  • Cronaca
  • Un piccolo giallo, un deposito municipale dimenticato

Un piccolo giallo, un deposito municipale dimenticato

Una porta chiusa, una chiave introvabile, ma la porta blindata non nascondeva nulla di prezioso.

porta 1Nel corso dell’ultima settimana, mentre stavano lavorando presso il vecchio palazzetto dello sport di Pavia, divenuto irriconoscibile a causa del tempo e della spazzatura che vi si accumula giorno dopo giorno, gli operai si sono accorti della presenza di una porta blindata inaccessibile che conduceva a un locale senza finestre.

Dal momento che a palazzo Mezzabarba la chiave del locale non era più in possesso del Comune, l’assessore ai lavori pubblici Fabio Castagna con alcuni ufficiali e agenti della polizia locale, ha scortato un fabbro allo scopo di sapere che cosa si celasse mai dietro quella misteriosa porta.

La serratura inoltre, era protetta da una sofisticata struttura metallica, che ha reso il lavoro del fabbro molto più lungo e complicato del previsto.

Una volta entrati nel locale, Castagna e gli agenti si sono trovati davanti ad un divano ormai ammuffito sulla sinistra, mentre a destra erano accatastati alcuni scatoloni chiusi con del nastro adesivo.

Dopo l’esame da parte del piccolo gruppo, si è scoperto che gli scatoloni contenevano vecchi computer, capi di abbigliamento mangiati dai topi e cartine geografiche risalenti a circa dieci anni fa.

“Quel locale” dice l’assessore Castagna “è stato utilizzato almeno sino al 2003 come deposito da un’associazione che si occupava di protezione civile”.

Adesso gli oggetti ritrovati saranno esaminati dalla polizia locale, mentre continueranno gli interventi di bonifica che erano stati sollecitati dai cittadini e dal capogruppo della Lega Nord, Matteo Mognaschi, dato che il palazzetto è da anni ormai caduto in totale degrado, oltre ad essere diventato la dimora abituale di barboni, e il luogo d’incontro di tossici dipendenti, come testimoniano le siringhe usate abbandonate sui pavimenti.

Dopo l’apertura della porta blindata, continueranno i lavori per la disinfestazione del palazzetto dalle zecche e pulci che lo popolano, oltre ad una rimozione completa delle coperture in amianto, in attesa della riqualificazione da parte del Pgt del Comune di Pavia.  

Collabora

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pubblicità su PaviaFree.it
Scrivi per PaviaFree.it

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.