I due amici fedeli

amici 1Una variante lomellina sul diffusissimo tema novellistico della moglie calunniata. Tanto per fare due risate!

‘Na vòtà a gh’érà…gh’érà du siùr, iun l’érà un giuàn, l’atàr l’érà àncùrà da spusà…l’érà giamo spusà, a gh’àva la dònà.

E i’ndàvàn semp ‘n amicìsià, àn cà me si sià, i favàn à…da padròn lùr.

 ‘Na vòtà cul giuàn là si ch’àgh vénà ànt la ment? A l’e ‘n dai a cà dal so amìs, pròpi amìs fidà, e gh’érà ninsunnà, lu l’a tacà ciamà, gh’a gnu fò ninsunnà.

Annùrà lù ‘nfilà la scàlà, l’a ‘ndai adsùrà, j érà la siurà ch’la drumìvà l’érà bèlà squàrcià.

Lù l’a cavà ‘l guant, al l’a mis ànsìmmà dàl…dàl cumudin, e l’a quarcià la siùrà e po vìa ch’l ‘e gnu.

Cul la, la sirà, àndàndà drumì, l’a tru-à ‘l guànt dàl so amìs l’a dii: “O!” l’a muntà ‘n gelusìà e la so dònà agh guardàvà pu e lè la sàvà pu si che fa l’érà ‘ncurà me primmà ma lu gh’àvà sa ròbà lì’nt la tèstà.

Annùrà lé la fa “At la sé? Fummà dà ‘na sènnà, ànvidùmmà ‘ncà Leòne” às ciamàvà Lèone cul là.

“Sì, si, ‘nvidùmmàl” l’a dii.

J àn màngià e tut e po ànnùrà l’a parlà lé, le siurà la dii:

“Bèlà sèrà, bèlà sòn

amàta sérà e più non sòn”

E…e po l’a parlà lu l’a dii insì:

“ Bèlà t’éri, bèlà t’è

amata t’éri e più non sèi

per il guànto di Leon trovàto

bèllà da me non sarài piu amàto”.

Annùrà cul là quànd l’a sintu paràc’ al fa “Annùrà àgh l’an cun mì” l’a dii:

“ Mi o entrà e o surtì

o vust àl frùtto e l’o cuprì

giuro a Dio la verità

o vust àl frùtto e l’o nò tucà”.

Annùrà àl so amìs l’a dii: “Cus chì m’ingànà no, pàrchè ùmmà sempr a stài amìs, cuì che l’a dii a l’e giust”.

E l’a so pu, l’e bèlà finì paràg’.

Una volta c’erano due amici, uno era un giovanotto, l’altro era già sposato, aveva la moglie.

Un’amicizia…giravano per casa liberamente, facevano i padroni.

Una volta a quel giovane che cosa è saltato in mente? E andato a casa proprio del suo amico fidato e non c’era nessuno, lui chiama, chiama..non è uscito nessuno.

Allora ha infilato la scala, è salito di sopra, c’era la signora che dormiva ed era tutta scoperta.

Lui ha tolto il guanto, l’ha messo sopra il comodino, ha coperto la signora e poi via che è venuto.

Il marito, la sera, andando a dormire, ha trovato il guanto del suo amico, ha detto: “Oh!” si è ingelosito e non guardava più sua moglie e lei non sapeva più che cosa fare.

Allora lei ha detto: “Lo sai ? facciamo una bella cena e invitiamo anche Leone”. (si chiamava Leone).

“Si, si, invitiamolo”.

La sera hanno mangiato e poi lei ha parlato, ha detto:

“Bella ero, bella sono

amata ero e più non sono”.

E poi ha parlato lui e ha detto:

“Bella eri, bella sei,

amata eri e più non sei,

per il guanto di Leone trovato

bella da me non sarai più amata”.

E allora l’altro ha sentito e ha risposto:

“Io sono entrato e sono uscito,

ho visto il frutto e l’ho coperto,

giuro a Dio la verità,

ho visto il frutto e non l’ho toccato”.

E allora il suo amico ha detto: “Questo non mi inganna, perché siamo sempre stati amici, quello che ha detto è giusto”.

E’  passato un carretto d’olio d’oliva e il racconto è finito. 

Collabora

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pubblicità su PaviaFree.it
Scrivi per PaviaFree.it

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.