I due fidanzati

fidanzati 1Una fiaba di giuramenti, amore e morte dalla Lomellina di un secolo fa.

Una volta àl gh’èra du murus, iun…l’òm agh ciamavàn Giuanin e la dona Angiulina e’s vurivàn tàntu bèn, na sita si ch’agh vèna àn  mènt i an fai al giuramènt, i àn dii “Sènta, Giuanin, s’àt moti ti, àt vèni pìam mì, e se mor mi vèn piat ti”.

E’nsi i àn giurà da fa’s cuntrat li.

Sì cà vurì àndagh a dì, la fin dl’an, àgh mora dabòn al Giuanin.

- ton ton ton – la va la fnèstra, la vadda che gh’è là un tàrménta caval biànch cul so  murus ànsimma, àl Giuanin.

“O Signur”, lu l’à dii “Pràparàt né, che dmàn da sira vèn piat””.

Difatti lè’ gh l’à dii cun so mama “O mama, pensa al Giuanin insì e insì, ma dès andua àm minarà?”, l’à dii “Tla sé si ch t’è da fa? Va’ndua àl pràvòst, àt vè cunfisat e t’àgh la disi, al sintarè lu si ch’àt disa”.

Difatti l’à’ndai àndua àl pravòst e lu gh’à dii “Guarda, fa fa un visti’d carta e’t la màtti su, e po t’àvdarè”.

Difatti la sira, l’istàs ura, gh’à sunà la mesanoc’ – don la mesanoc – la sènta àncura cul sapat dal caval e ‘l Giuanin l’à ‘ndai a piala, lè l’à duèrt la fnèstra, l’à saltà ànsimma dàl caval e varda mé i èn àndai.

Al lòngh la strà al Giuanin s’à mis a vusà

“La luna chiara chiara,

i morti a cavallo

e ti ‘Ngiulina tà gh’è pagura dell’anima mia?“

E lè “Va pura ainàn Giuanin che mi gh’o no pagura”.

E tut àl longh la strà l’à sèmpàr dii insì, quand i èn rivà dàdnàn dàl cimiteri lu gh’à dai una tàrménta frustà àl caval e’l l’à ciapà lé pr’àl visti pàr fagh sàlta àl cancèl, àl visti s’à s-ciàncà e lè l’à ravatà su anvèr la strà.

Annura lu quànd l’à stai dàdlà dàl cimitèri cuì sò caval l’à dii “Ringrasia chilè t’à mustrà, che se tà gh’avi no su al visti ‘d carta dès àt ginvi ànsèma mi ànt la tòmba e t’àvdivi pu ‘l su, e ricordàt fina tànt che tà stè ‘l mònd, fa pu mia da si giuramènt li!”.

E la cunta l’è bèla livra.

C’erano una volta due fidanzati, l’uomo si chiamava Giovannino e la donna Angiolina e si volevano tanto bene, una sera che cosa gli viene in mente hanno fatto il giuramento, hanno detto “Senti Giovannino, se muori tu vieni a prendere me, e se muoio io vengo a prendere te”.

E cosi hanno giurato di fare questo contratto

Che cosa volete…alla fine dell’anno, muore davvero Giovannino.

Una sera l’Angiolina è a dormire, sente – ton ton ton – va alla finestra, vede che c’è un grandissimo cavallo bianco con il suo fidanzato sopra, il Giovannino.

“O Signore!” lui ha detto “Preparati neh, che domani sera vengo a prenderti”.

Lei allora l’ha detto con sua mamma “O mamma, pensa, Giovannino cosi e cosi, ma adesso dove mi porterà?”, lei ha detto “Sai che cosa devi fare? Va dal prevosto, vai a confessarti e glielo dici, sentirai lui che cosa ti dice”.

Difatti è andata dal prevosto e lui la ha detto “Guarda, fai preparare un vestito di carta e lo indossi, poi vedrai”.

Difatti alla sera, alla solita ora, è suonata la mezzanotte – don – sente ancora il passo del cavallo e Giovannino è andato a prenderla, ha aperto la finestra, è saltata sul cavallo e via che sono andati.

Lungo la strada Giovannino si è messo a gridare

“La luna chiara chiara,

i morti a cavallo

e tu Angiolina hai paura dell’anima mia?”

E lei “Vai pure avanti Giovannino che io non ho paura”.

E per tutta la strada è stato così, quando sono arrivati davanti al cimitero lui ha dato una grande frustrata al cavallo e ha preso lei per il vestito per fargli saltare il cancello, il vestito si è strappato e lei è cascata giù verso la strada.

Allora lui quando è stato dalla parte del cimitero col suo cavallo ha detto “Ringrazia chi ti ha insegnato,  che se non avevi il vestito di carta adesso venivi assieme a me nella tomba e non vedevi più il sole, e ricordati, fino a quando stai al mondo, di non far più quei giuramenti!”.

E la fiaba è finita.

Collabora

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pubblicità su PaviaFree.it
Scrivi per PaviaFree.it

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.