• Home

Il presepio tradizione senza età

  • Paola Montonati

presepio 0

Le origini del presepio risalgono al III secolo dopo Cristo, quando nelle prime comunità cristiane nacque sempre più forte l’esigenza di riprodurre, per i pellegrini che giungevano da lontano, la stalla di Betlemme dove Gesù era nato  in una semplice mangiatoia.

Fino al VII secolo le riproduzioni della Natività che ci sono pervenute erano in prevalenza dipinti o rilievi che solitamente raffiguravano il Bambin Gesù con i pastori e i Re Magi.

Le prime tracce riguardanti una vera e propria ricostruzione della Sacra Grotta sono state rinvenute nella chiesa romana di Santa Maria Maggiore, in cui era venerata una reliquia proveniente proprio da Betlemme.

Ma la nascita vera e propria del presepio è databile alla notte di Natale del 1223, quando nella città di Gubbio, tra i colli dell’Umbria, San Francesco d’ Assisi, con i suoi confratelli e i cittadini della vicina Rieti, allestì un presepio vivente in cui vi erano tutti i simboli che ancora oggi sono collegati al presepio, dalla mangiatoia di legno fino ad arrivare ai pastori con il bue e l’asinello.

Da quella notte di Natale il presepio diventò, da semplice riproduzione della nascita di Gesù, uno dei simboli del Natale e della cristianità in generale, arrivando fino ai nostri giorni.

Solitamente i presepi si dividono in due filoni: il presepio storico, che cerca di riprodurre con realismo uno spaccato di Betlemme ai tempi dell’impero romano e quello popolare, in cui le statuine si muovono in un contesto deciso del presepista con i suoi collaboratori, da un bosco fino ad arrivare a una osteria, senza trascurare ambientazioni molto più strane a particolari.

Molte sono le scuole legate al presepio in Italia e nel mondo, in questa piccola rassegna ne presentiamo alcune.

presepe 1

 

Presepio ligure

Sviluppatosi grazie ai Gesuiti, il presepio ligure, anche se molto meno ricco di quello napoletano, negli ultimi anni ha conosciuto una rinascita inaspettata. La sua caratteristica più nota è quella dei ricchi abiti,  in stoffa, che rivestono le statuine della Sacra Famiglia.

 

presepe 2

 

Presepio trentino

Con le sue origini risalenti fino al Rinascimento, il presepio dell’Alto Adige è considerato uno dei capolavori dell’arte barocca. Una delle sue particolarità è di essere interamente composto da eleganti statuette scolpite in legno.

 

presepe 3

 

Presepio napoletano

Partendo dalle notissime scuole presepiste del Settecento barocco, ancora oggi il presepio napoletano attira tantissimi turisti da tutto il mondo. Una delle sue particolarità è quello di strizzare l’occhio alla cronaca contemporanea, con statuette ispirate a personaggi famosi e di attualità.  

Presepio spagnolo

presepe 4Nata contemporaneamente alla scuola napoletana, la scuola spagnola è sempre rimasta molto legata alle sue origini, introducendo con il tempo anche dei presepi con il sughero o in gesso, ideati principalmente a Barcellona.

presepe 5

 

Presepe sudamericano

Introdotto dai Gesuiti verso la fine del XV secolo, il presepe sudamericano si divide in due tronconi, uno più legato alle origini europee, con statue ed ambientazioni che ricordano l’Europa e uno che si ispira alle tradizioni dei popoli sudamericani, con statue e contesti dal sapore tipicamente sudamericano.

Pin it

Pavia

Pavia, la nostra Pavia

Copyright © PaviaFree.it, il blog di Pavia e provincia IT11086080964