• Cronaca
  • Iolanda Nanni, consigliere cinquestelle: chiamatemi dissidente
  • Cronaca
  • Iolanda Nanni, consigliere cinquestelle: chiamatemi dissidente

Iolanda Nanni, consigliere cinquestelle: chiamatemi dissidente

iolanda nanniRiportiamo le parole del consigliere regionale del movimento 5stelle Iolanda Nanni, a seguito del trattamento subito da Luis Alberto Orellana che ha osato aprire un dialogo verso il PD sfidando l'ira di Beppe Grillo.

"All'amico, grandemente stimato, Luis Alberto Orellana. Poi, se volete, chiamatemi DISSIDENTE!
Riporto qui sulla mia bacheca quanto già dichiarato i giorni scorsi in questa tormentosa e ingiusta vicenda che sta coinvolgendo l'amico, da me grandemente stimato, Luis Alberto Orellana.
Ho letto parole ingiustamente dure ed aggressive nei confronti di una persona di alto valore morale come Luis, con il quale da attivista e cittadina pavese ho combattuto tante battaglie sul territorio ed ora lo faccio da cittadina eletta M5S in Regione Lombardia.
Probabilmente qualcuno non è al corrente che e' proprio grazie a persone competenti, oneste e impegnate come Luis che oggi in Regione Lombardia i consiglieri regionali NON possono piu' usufruire del vitalizio. Nel 2010 infatti fu proprio lui il promotore nel M5S Lombardia del progetto ZeroPrivilegi che fu un grande successo dal basso degli attivisti del M5S. Ha affrontato numerose battaglie sul campo portando sempre alta la bandiera del M5S e dei nostri valori, con instancabile energia e trovando sempre parole di conforto per tutti nei momenti di disagio e di difficoltà. Senza mai tirarsi indietro, senza mai negare la sua disponibilità, il suo sorriso, la sua competenza, la sua dedizione.

Nessuno di questi pronti sentenziatori ha pensato allo stato emotivo di una persona che in questi giorni è stata sottoposta a plurime offese alla propria dignità personale, nessuno ha pensato alle risposte che non ha mai ricevuto. Nessuno ha provato a comprendere che si può esprimere un'opinione, pur non condivisibile, senza essere tacciati di alto tradimento. Nessuno ha provato a capire le sue parole dettate dalla rabbia, dallo sconforto e dalla solitudine. Nessuno di quei vigliacchi che, davanti gli sorridono e alle spalle lo accoltellano, ha capito che il traditore NON è Luis, e MAI lo sarà perché è persona di grande coerenza e levatura morale che gode, proprio per questa sua rara integrità, della stima di attivisti M5S e di tanti altri cittadini che seppur non abbracciando il M5S, proprio grazie a persone come lui, si stanno avvicinando con molto interesse.

È fuorviante trarre considerazioni azzardate dalle sue pubbliche riflessioni che peraltro lui offre con la massima ingenuità e trasparenza agli attivisti chiedendo il loro parere nel pieno rispetto della volontà della maggioranza, senza usare toni offensivi, evidenziando piuttosto alcune criticità che sono normali in un movimento nuovo come il nostro, pieno di passione, in costante evoluzione e maturazione. Per favore, non facciamo di tutte le erbe un fascio e andiamo avanti migliorandoci e imparando dai nostri errori. Massima stima per Luis e per tutti i nostri eletti in prima linea, di cui spesso ci dimentichiamo gli enormi sacrifici che stanno affrontando, giorno dopo giorno, instancabilmente. Per me Luis è e RIMANE uno dei migliori portavoce al Senato che abbia potuto esprimere il M5S.

E adesso, se volete, chiamatemi DISSIDENTE!"

Collabora

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pubblicità su PaviaFree.it
Scrivi per PaviaFree.it

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.