Il Collegio Fraccaro

  • Paola Montonati

 

collegio fraccaro 2Da ospedale a collegio; le metamorfosi del Fraccaro, uno dei palazzi storici di Pavia.

Nel 1932 il San Matteo venne trasferito nella sede attuale, e il vecchio ospedale, che si trovava a pochi passi dall’Università di Pavia, passò all'amministrazione militare che vi installò la Scuola per Allievi Ufficiali Luigi Federico Menabrea. Durante la seconda guerra mondiale l 'edificio fu occupato prima dai tedeschi, che ne requisirono tutte le attrezzature, poi dagli sfollati dei bombardamenti. Con il dopoguerra il vecchio ospedale era cosi malridotto che l'amministrazione comunale ponderò serialmente l'opportunità di demolirlo in parte e riutilizzarne le macerie.

Ma Plinio Fraccaro, allora Rettore dell’Università di Pavia, si oppose a questa decisione e cercò in tutto i modi di ottenere l’edificio per trasformarlo nel nuovo collegio universitario. L'amministrazione comunale discusse per molto tempo sulla richiesta, e solo nel 1958 il comune di Pavia donò l'edificio all'Università che così riuscì a realizzare il vecchio sogno di riunire nel complesso del palazzo centrale tutti gli edifici del grande isolato dell’ antica sede universitaria e del vecchio Ospedale San Matteo.

Anche se l'improvvisa scomparsa di Plinio Fraccaro, avvenuta il 1 novembre 1959, non gli consentì di gestire in prima persona i lavori di allestimento del nuovo collegio, il suo successore Luigi De Caro, con il sostegno dell'Università, del Provveditorato alle Opere Pubbliche della Lombardia e del Ministero della Pubblica Istruzione continuò la sua opera.

collegio fraccaro 1Fu cosi che nel 1963 il Collegio Fraccaro aprì i battenti ospitando i  primi 54 alunni. I lavori di restauro e di allestimento proseguirono nel corso degli anni, dalla costruzione della biblioteca e della sala comune, opera dell’'architetto Giotto Stoppino, fino alla sala Porro, utilizzata per le conferenze ed le riunioni degli alunni.

In questa sala, che nell’Ottocento era il reparto ostetrico del San Matteo, una lapide ricorda l'intervento che vi venne eseguito da Edoardo Porro il 21 maggio 1876, noto per essere stato il primo passo verso la definitiva affermazione dell'operazione cesarea. Nel 1965 venne completata l'ultima ala nel sopralzo interno, che consentì di portare a circa un centinaio il numero degli alunni ospitati.

Fino a oggi il Fraccaro, grazie all’attiva partecipazione degli alunni alle iniziative comunitarie culturali e sportive, è rimasto uno dei  collegi più  noti e stimati di Pavia.

 

Pavia

Pavia, la nostra Pavia

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.